Home Chiesa e Diocesi Salvatore Siano, un nuovo sacerdote: “Attraverso di te riceviamo un grande dono...

Salvatore Siano, un nuovo sacerdote: “Attraverso di te riceviamo un grande dono da Dio”

Sabato 12 novembre nella Cattedrale di Teano Mons. Giacomo Cirulli vescovo di Teano-Calvi e di Alife-Caiazzo ha ordinato un nuovo presbitero; nel 2023 previste altre tre ordinazioni

916
0

Un’immagine tratteggiata dal Vescovo Mons. Giacomo Cirulli su cui ha invitato i fedeli a soffermarmi e in essa scorgere dei particolari; è la scena in cui scorre la storia dell’Umanità che si colloca tra due banchetti, due esperienze di festa per il credente: il banchetto che Gesù desidera “ardentemente” condividere con i discepoli nella sua ultima Pasqua quale momento esclusivo di condivisione e di insegnamento, e quello ultimo che sarà di coloro che vivranno in Dio per l’eternità. Tra questi fluisce la vita degli uomini, le vicende tristi e liete degli, e anche il di un giovane Salvatore Siano che sabato 12 novembre è stato ordinato presbitero dal suo Vescovo nella Cattedrale di Teano.

Il Vangelo di Luca, il racconto di un’ultima cena che raccomanda agli uomini il valore del servizio, diventa per i presenti alla cerimonia motivo di riflessione sulla missione di ciascuno; sul dono dell’Eucarestia; sul dono che Dio fa a coloro che sono chiamati al presbiterato scelti pur nella loro fragilità, vasi di creta custodi e portatori della Parola di Dio; chiamati a rendere presente Gesù Cristo tra gli uomini attraverso il suo corpo e il suo sangue: “Salvatore, oggi tu riceverai – e noi riceveremo attraverso di te – questo grande dono”, così Mons. Cirulli nell’omelia richiamando il mistero dell’Eucarestia. “Da questa sera potrai essere il mezzo perché quel dono di amore per l’umanità si renda presente sempre”. Un passaggio poi alla gioia che scaturisce da una Celebrazione che dona alla Chiesa locale un nuovo sacerdote: “È un tempo che vede sempre meno giovani coinvolti in esperienze simili, ma in questa chiesa locale non va così; ringraziamo Dio per la grazia che ci rinnova”. Il prossimo anno infatti il Vescovo di Teano-Calvi e di Alife-Caiazzo ordinerà tre nuovi presbiteri: Michele Zullo nella diocesi alifana e Marco Morganella e Mario Salzillo in quella sidicina.

Le Letture proclamate nella Messa di Ordinazione hanno accompagnato il Pastore e i fedeli ad una riflessione comune: Dio chiama anche il più giovane e inesperto, il più debole, colui che teme di non contare (Ger 1,4-9); non guarda la sua fragilità e la debolezza tutta umana ma lo accompagna con la sua grazia (2Cor 4,5-15) e lo fortifica; lo rende protagonista di una banchetto che è per la salvezza degli uomini (Lc 22,14-20): “A te, caro Salvatore, vaso di creta, il Signore affiderà questo ministero che è un servizio, è per loro, esclusivamente per loro, per il popolo di Dio. E nella loro salvezza operata da Gesù, troverai il compimento della tua missione (…). Il Servo ti chiama ad essere servo come Lui…”.

Come previsto dal rito di ordinazione, dopo l’omelia preghiere e riti accompagnano il candidato scelto per il presbiterato al suo nuovo servizio nella Chiesa: gli impegni dell’eletto e il “Sì lo voglio” ripetuto più volte al Vescovo; poi le litanie dei Santi, preghiera che unisce la Chiesa terrena a quella Celeste; l’imposizione delle mani da parte del Vescovo e dei presbiteri chiedendo per Salvatore il dono dello Spirito Santo e in ultimo la preghiera di Mons. Cirulli che ha consacrato Salvatore presbitero della Chiesa di Dio che è in Teano-Calvi: momenti che si accompagnano sempre a tanta emozione, a sentimenti di gratitudine e manifestazioni di gioia come il lungo applauso che è scaturito al termine di questi momenti. Poi i riti esplicativi: il nuovo sacerdote è stato vestito degli abiti sacerdotali, gesto compiuto da don Paolo, confratello di origine ucraina presente nella vicina diocesi di Capua, scelto da don Salvatore quale segno di profonda condivisione; il Vescovo ha poi unto con il sacro crisma le mani del sacerdote e consegnatogli il calice e la patena; in ultimo l’abbraccio di pace tra il giovane prete e il suo Pastore e così con gli altri sacerdoti.

Al termine della Messa, i ringraziamenti da parte del giovane e del Vescovo ai presenti e a coloro che hanno collaborato all’organizzazione della Celebrazione: la famiglia, i formatori (padre padre Ronny Alessio sj rettore del Seminario Interregionale di Posillipo; don Emilio Salvatore, preside della Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale; don Bartolomeo Puca suo formatore in seminario); il gruppo carismatico Rinnovamento nello Spirito in cui è maturata e cresciuta la vocazione del giovane sacerdote; grazie alle numerose parrocchie della Diocesi di Teano-Calvi in cui ha prestato il suo servizio pastorale negli anni e agli amici; a quanti hanno curato e animato la Celebrazione liturgica; ma soprattutto ai presenti che hanno condiviso la preghiera e la gioia di questa ordinazione presbiterale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.