Home Chiesa e Diocesi Castelpetroso, 135 anni dalla prima apparizione della Vergine. Il programma delle funzioni...

Castelpetroso, 135 anni dalla prima apparizione della Vergine. Il programma delle funzioni religiose

Il 22 marzo 1888 per la prima volta la Vergine Maria apparve a Castelpetroso, là dove oggi sorge il Santuario, meta religiosa raggiunta da fedeli provenienti dalle località più diverse. Il culto in onore della Madonna di Castelpetroso è molto radicato anche nel territorio matesino

1375
0

Giovanna Corsale – Ricorre quest’anno il 135° anniversario della prima apparizione della Vergine a Castelpetroso, là dove oggi sorge il Santuario dell’Addolorata. Il piccolo borgo in provincia di Isernia rappresenta una delle mete religiose più ambite da fedeli di provenienza diversa, in virtù di un forte legame devozionale, come accade in molte realtà del Matese. Diverse sono infatti le comunità matesine che organizzano spesso pellegrinaggi alla volta del Santuario di Castelpetroso: da Castello del Matese a Piedimonte, da Piana di Monte Verna ad Alife, gruppi di fedeli si incamminano, a volte anche a piedi, percorrendo quei sentieri di montagna che conducono a destinazione.

Prosegue il Settenario in occasione dell’anniversario, che terminerà martedì 21 marzo, con l’Adorazione Eucaristica e la Santa Messa ogni giorno celebrata in una parrocchia diversa. Mercoledì 22 alle ore 11.30 mons. Gian Carlo Maria Bregantini, arcivescovo di Campobasso – Bojano, presiederà il Solenne Pontificale. Le funzioni religiose della giornata proseguiranno nel pomeriggio con la Via Matris alle 15.30 e la Coroncina solenne alle 16.00; la Solenne celebrazione delle ore 17.00, invece, sarà officiata da don Fabio Di Tommaso, rettore della Basilica; alle 18.30, infine, la Messa celebrata dal parroco della Basilica, don Salvatore Lombardi.

LA STORIA DEL SANTUARIO
La storia del Santuario di Maria SS. Addolorata inizia il 22 marzo 1888, giorno in cui la Vergine apparve per la prima volta. Due contadine del luogo erano alla ricerca di una pecorella smarrita quando una delle due si trovò di fronte una visione celeste: nel bagliore della luce si riconosceva l’immagine di Maria SS. Addolorata seminginocchiata con ai piedi il Figlio morto, lo sguardo rivolto verso il cielo e le braccia allargate in atto di offerta. Il 26 settembre 1888 Mons. Francesco Macarone Palmieri, vescovo di Bojano, si recò sul luogo sacro per “indagare” sulle presunte apparizioni ed ebbe la grazia di vedere la Madonna Addolorata così com’era apparsa alle due contadine. Era il 28 settembre 1890 quando venne posta la prima pietra del Santuario di Maria SS. Addolorata di Castelpetroso e Mons. Francesco Macarone Palmieri, nel corso di una solenne celebrazione, diede ufficialmente il via ai lavori. La consacrazione, invece, avvenne solamente il 21 settembre 1975. (Fonte santuarioaddolorata.it)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.