Home Primo Piano Piedimonte Matese. Il 3 giugno l’inaugurazione del parco giochi inclusivo “Vincenzo D’Allestro”,...

Piedimonte Matese. Il 3 giugno l’inaugurazione del parco giochi inclusivo “Vincenzo D’Allestro”, spazio di legalità e riscatto

L'idea nata dall'Associazione Gli Amici di Pericle ha coinvolto i cittadini nella raccolta di offerte che ha sfiorato i 30mila euro. “Sono molteplici i punti di forza racchiusi nel nostro messaggio: il senso civico, la partecipazione, la legalità, il rispetto per l’ambiente, la radice identitaria”, le parole del presidente Lucio Pascale

2382
0

Conto alla rovescia per l’apertura del Parco giochi inclusivo “Vincenzo D’Allestro” promosso e realizzato dall’Associazione Gli Amici di Pericle. Sabato 3 giugno alle 17.00 verrà inaugurato questo nuovo spazio nel centro urbano di Piedimonte Matese (siamo accanto all’Ufficio Postale di via Lupoli) allestito con ben 10 attrazioni per bambini, ma soprattutto con giostrine riservate ai bambini disabili. Nasce soprattutto per loro il progetto dell’Associazione che si occupa di educazione ed impegno civico: offrire ai piccoli disabili momenti di inclusione, di normalità e quindi condivisione con tanti altri amici attraverso l’accesso a strutture solitamente inaccessibili.

Partiva un anno fa, nella primavera 2022, l’iniziativa per la quale si chiedeva la collaborazione dei cittadini attraverso offerte in denaro, “l’idea di una partecipazione collettiva, di un progetto a più mani” spiega Lucio Pascale, presidente dell’Associazione Amici di Pericle, “era il presupposto affinché il traguardo oggi raggiunto venisse letto come un traguardo di tutta la comunità. E così è stato”. Nei primi tre mesi dal lancio dell’iniziativa infatti è stata raccolta la quasi totalità della somma necessaria ad allestire l’area giochi che ha previsto lavori di adeguamento e l’acquisto delle giostrine. Poco meno di 30mila euro grazie a piccole e grandi donazioni, a cittadini di ogni età e qualche sponsor particolarmente generoso. “Siamo in una zona di Piedimonte Matese frequentatissima, ma al contempo rimasta incustodita per troppo tempo come testimoniano i segnali di abbandono in cui versava questo angolo verde”, continua Lucio Pascale. “Abbiamo ripulito lo spazio da ogni tipo di rifiuto per restituire ai piedimontesi non solo un luogo con una veste nuova, bella da godere, ma soprattutto delicata e da curare”.

Un parco giochi diventa simbolo di legalità e di riscatto: servizi per i bambini disabili, panchine, staccionata per tenere al sicuro chi vi accede; bonifica delle siepi da bottiglie e numerosi altri rifiuti; e poi la memoria di Vincenzo D’Allestro, l’imprenditore di Piedimonte Matese ucciso nell’attentato terroristico di Dacca (Bangladesh) il 1 luglio 2016 rivendicato dall’ISISS in cui persero la vita 20 persone tra cui 9 italiani. Due targhe all’ingresso dell’area giochi spiegano il progetto e la partecipazione/collaborazione di sponsor e associazioni. “Sono molteplici i punti di forza racchiusi nel nostro messaggio: il senso civico, la partecipazione, la legalità, il rispetto per l’ambiente, la radice identitaria, prosegue Pascale. “I cittadini che hanno risposto positivamente e generosamente al nostro appello, ai quali va il nostro ‘grazie’ si ritrovano in uno o in tutti i valori che abbiamo proposto; questo ci fa ben sperare per il futuro di questo parco giochi che da sabato sarà un bene comune affidato alla Città e ai suoi abitati”. L’Associazione Amici di Pericle fin dal suo esordio (era il 2015) ha puntato sul concetto e sulla condivisione del bene comune: incontri pubblici, attività nelle scuole, la nascita del sito internet Fare Comunità, e iniziative come queste sono state il campo di azione di questa singolare esperienza di educazione civica proposta alla Città sfociata nel 2019 con la proposta – all’Amministrazione comunale e ai piedimontesi – del Regolamento per l’Amministrazione Condivisa dei beni comuni e i Patti di collaborazione, ambizioso progetto nato sul modello e con il supporto dell’associazione Labsus (Laboratorio per la Sussidiarietà – www.labsus.org) che prevede un accordo tra Comune e cittadini per la presa in carico da parte di questi ultimi (pulizia, manutenzione e animazione) di quegli spazi pubblici che le Amministrazioni non possono o non riescono a gestire, per un periodo di due anni rinnovabili; il parco giochi inclusivo nasce infatti dopo la firma di uno dei Patti sottoscritti tra Gli Amici di Pericle e il Comune di Piedimonte (l’Associazione è responsabile di altri due Patti: la cura della fontana di Piazza Carmine fino a giugno; il sito Beni Comuni Piedimonte Matese che raccoglie e raccorda i Patti di Collaborazione sottoscritti da cittadini ed associazioni).

Appuntamento a sabato, ma soprattutto nei giorni che seguiranno, quando, superata la festa e le cerimonie ufficiali, i cittadini di Piedimonte vivranno la normalità di ogni giorno con un pensiero rivolto ad un bene da curare e migliorare. Sì perché lo stesso presidente Lucio Pascale ci anticipa che il Parco Giochi inclusivo “Vincenzo D’Allestro” crescerà ancora “se tutti lo vorremo, se tutti daremo una mano”.

 

Per approfondire sui Patti di Collaborazione una pubblicazione di Clarus del 2019

Amministrazione condivisa e Patti di collaborazione nell’incontro targato Amici di Pericle

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.