Home Sport Il fenomeno “Sinner” scatena la passione per il tennis. Un giro nei...

Il fenomeno “Sinner” scatena la passione per il tennis. Un giro nei club di Alife ed Alvignano, intervista al maestro Gioacchino Coppola

730
0

Luigi Ferrucci – Estate, sport, campionati, tornei… Il pensiero corre al fenomeno del momento Jannik Sinner, celebrato ormai da tutti, capace di aver portato il tennis all’attenzione anche dei meno appassionati; non solo bravura e talento ma anche il comportamento del campione, l’educazione che lo distingue fanno concordare i consensi su di lui. Altoatesino, classe 2001, é diventato il primo italiano della storia ad essersi classificato numero 1 della classifica mondiale del Tennis. Prima di lui, Adriano Panatta fu classificato numero 4.

Sguardo allora sul mondo del tennis anche nel territorio matesino per scoprire i valori di questo sport racchiusi non solo nelle occasioni di socialità che i club garantiscono e nel supporto tra generazioni diverse, ma anche i benefici fisici dovuto allo sviluppo di coordinamento e concentrazione. Un luogo di riferimento è sicuramente il circolo di Alife Tennis New Age, nato nel 2010 e che conta attualmente 40 iscritti, il cui presidente è Armando Sessa. Per vedere appieno la vita tennistica del new age, abbiamo intervistato il maestro Gioacchino Coppola, che dirige la scuola tennis da circa 30 anni con forte dedizione e passione. Lo stesso maestro è stato classificato in terza categoria a 20 anni, è stato giudice di sedia di livello nazionale nei campionati di serie A e B e giudice di linea in Coppa Davis sia maschile che femminile.

I campi del club di Alife

Maestro, perché secondo lei il tennis attira molto i bambini nonostante sia uno sport individuale?
Il tennis oggi attira molto i bambini perché è cambiata la didattica: se prima si poteva giovare dai 10 anni in su, ora un nuovo metodo lo consente anche ai più piccoli grazie anche a racchette realizzate per specifiche fasce di età, in modo tale da migliorare anche i bambini dal punto di vista coordinativo. Grazie alle racchette più piccole, a campi più piccoli, palline meno pesanti, i bambini possono iniziare a giocare dai 5 anni.

Secondo lei, che impatto ha avuto il fenomeno Sinner sugli allievi?
Sinner sta portando tanta pubblicità al nostro sport. É stato il primo numero 1 della storia del tennis italiano, quindi i ragazzi sono invogliati a fare di più e a migliorare seguendo il suo esempio, specialmente perché è italiano.

Qual è la storia del circolo e perché scegliere il tennis come sport?
La storia della scuola tennis parte da lontano, agli inizi degli anni 2000, al palazzetto dello sport di Piedimonte Matese, in cui iniziammo già a portare i ragazzi a disputare campionati regionali e provinciali. Quando poi ci siamo trasferiti ad Alife tutto è cambiato per il meglio in quanto abbiamo avuto a disposizione campi in terra rossa più professionali. Oggi abbiamo ragazzi di terza categoria che disputano i campionati regionali e ragazzini under che partecipano a svariate competizioni.

Una considerazione sul padel? Anche lì racchette e tanti consensi popolari…
Il padel ha preso piede dopo la pandemia, superando anche il calcetto perché sport di contatto. Ha attirato tutte le fasce d’età  perché è meno tecnico rispetto al tennis e può unire perciò amici e famiglie.

Un altro circolo presente nel nostro territori si trova ad Alvignano, nato nel 1995 e che compie l’anno prossimo il trentesimo compleanno. Il presidente è Gennaro Di Meo. Uno dei rappresentanti del circolo, Stefano Giannetti, ci ha fornito delle informazioni sul circolo: Il Tennis Club Alvignano vanta anch’esso una lunga storia sul territorio, con attività sociali come il torneo sociale, il Torneo Amarcord, la Davis Cup, Doppi maschili, misti e singolari femminili”. “Attualmente – spiega Giannetti –  ci stiamo appoggiando su altri campi perché la nostra struttura, che prevede 2 campi in sintetico di cui uno coperto in via Caselle ad Alvignano è in stato di rifacimento e sarà pronta a settembre”.

Buone prospettive per il tennis italiano, dai club più antichi e forti a quelli di provincia, con la speranza che il fenomeno Sinner riesca ad alimentare sempre di più la voglia dei ragazzi/e ad eguagliarlo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.