Home Territorio Dov’è la maturità? Esami nelle aule e fatti di negligenza nell’Italia delle...

Dov’è la maturità? Esami nelle aule e fatti di negligenza nell’Italia delle contraddizioni

Dov’è la maturità”: la domanda si è fatta e rimane insistente come un grido nella nebbia della storia, come una ricerca di senso di fronte a scelte insensate

221
0
Foto associazioneterra.it

Paolo Bustaffa – Oltre cinquecentomila giovani affrontate le prove scritte per la maturità sono in questi giorni alle prese con quelle orali.  Sono ragazze e ragazzi che hanno attraversato il tempo del covid e dopo questa fatica che ha lasciato anche in loro tracce profonde si sono presentati a una prova che resterà nella loro memoria anche come conclusione di un’irrepetibile storia di legami tra coetanei e di comunicazione  tra giovani e adulti quali sono i professori.

I media hanno raccontato i volti, le ansie, i commenti, le speranze: timore e tremore si sono incrociati mettendo alla luce una maturità che precede e sostiene quella che verrà sancita dai voti delle commissioni.

Negli stessi giorni la cronaca raccontava lo strazio della moglie di Satnam Singh bracciante gravemente ferito da una macchina agricola e trattato come un rifiuto dai suoi datori di lavoro.  Nell’apprendere la notizia della morte del marito di 31 anni la giovane donna indiana esclamava: “L’Italia non è un Paese buono!”.  Sempre negli stessi giorni un ragazzo di diciotto anni, coetaneo dei maturandi, moriva schiacciato da un mezzo agricolo. Ancora negli stessi giorni nelle carceri italiane si sono ripetuti i suicidi per disperazione e nel nostro mare annegavano bambini, donne e uomini innocenti.

Lo storico Marco Revelli commentava: “La qualità di un Paese si giudica anche da questi episodi. E non può definirsi Grande una nazione che li permette o li tollera o anche solo li ignora”. Le altre pagine dei media raccontavano di deliri di onnipotenza, di guerre e di massacri, di sconvolgimenti ambientali, di sconcertanti scontri politici, di altre violenze sulle donne.

“Dov’è la maturità?” ci si chiedeva e ci si chiede.

É in quegli uomini e quelle donne di potere o in quei ragazzi e quelle ragazze che scrivono dell’imperfezione, del magistero del silenzio, dell’uomo che si ribella alle macchine, del patrimonio artistico e ambientale nella Costituzione, della poesia contro la guerra?

“Dov’è la maturità”: la domanda si è fatta e rimane insistente come un grido nella nebbia della storia, come una ricerca di senso di fronte a scelte insensate, come  un gesto di ribellione alla rassegnazione all’indifferenza di fronte a disumanità vicine e lontane.
Solo un sordo non sente le domande che vengono dalle aule degli esami: “Voi adulti che chiedete a noi giovani di superare una prova di maturità quale testimonianza di maturità state offrendo? Pensate davvero di poterci insegnare ancora qualcosa?”.
Generalizzare non è un segno di maturità e i giovani non generalizzano, sanno però distinguere gli adulti credibili dagli adulti che non lo sono.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.