Home Territorio Monte Santa Croce, dipendenti senza stipendio

Monte Santa Croce, dipendenti senza stipendio

480
0

Incontro in Comunità Montana tra il presidente Pietro Delle Donne e i rappresentanti sindacali. Da ottobre non vengono erogate le retribuzioni per mancanza di liquidità.

Cinque mesi di stipendi arretrati (in aggiunta alle tredicesime) per i dipendenti della Comunità Montana Monte Santa Croce, che dal mese di ottobre non percepiscono aluna retribuzione. Una situazione che si trascina in avanti ad oltranza, senza che all’orizzonte si profilino possibili vie d’uscita per superare le criticità finanziarie nelle quali si sono imbattute, negli ultimi mesi, tutte le Comunità Montane della Campania, strette come in una tenaglia tra i progetti di riforma o di definitiva soppressione ipotizzati dal Governo e la mancanza di liquidità da parte della Regione. Il risultato è che le famiglie dei dipendenti sono praticamente al collasso: in alcune realtà, come il Matese, gli enti montani sono riusciti a fronteggiare momentaneamente il problema, ma in diverse aree della provincia la situazione sembra appesa a un filo. Giorni fa, presso la sede della Comunità Montana Monte Santa Croce, il presidente Pietro Delle Donne ha incontrato i rappresentanti sindacali per fare il punto della situazione ma, soprattutto, per fare chiarezza attorno all’ipotesi di storno di alcuni fondi del Psr e all’utilizzo di circa 1.500.000 euro già pervenuti dalla Regione, ma ancora non destinati al pagamento delle mensilità arretrate. I rappresentanti sindacali hanno chiesto, inoltre, al presidente Delle Donne, di fornire qualche precisazione in più in merito ai progetti per il piano di sviluppo rurale eventualmente già approvati dalla Regione. A fronte dei mancati trasferimenti e dei provvedimenti adottati per garantire alle comunità montane l’erogazione delle somme necessarie a chiudere l’esercizio del 2011, il presidente Delle Donne ha però ribadito,ancora una volta, che le disponibilità di cassa non permettono, al momento, neanche l’anticipazione di un solo stipendio dei cinque arretrati. Tensione alle stelle, quindi, in un momento già assai delicato per Terra di Lavoro, che in questi giorni ha aggiunto alle diverse vertenze in atto anche il fallimento dell’Acms. Entro la fine dl mese di marzo tutti i presidenti delle Comunità Montane della Campania sottoscriveranno un documento comune e assumeranno congiuntamente una serie di iniziative per ottenere dalla Regione precise garanzie in merito al piano di erogazione dei finanziamenti per il 2012. Ma se nelle prossime settimane non saranno corrisposti almeno gli anticipi chiesti dai sindacati, la situazione potrebbe degenerare. (Fonte: Il Mattino)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.