Home Chiesa e Diocesi Clarus vince! Miglior sito tra i portali di informazione cattolica

Clarus vince! Miglior sito tra i portali di informazione cattolica

A Grottammare il meeting nazionale dei giornalisti cattolici che ha raccolto 150 tra direttori e giornalisti delle oltre 190 testate distribuite in tutta Italia

763
0
CONDIVIDI

Obiettivo dell’incontro: aprire una concreta riflessione sul giornalismo costruttivo che guarda alla realtà con gli occhi della speranza.
L’appuntamento è nato dalla collaborazione tra la Federazione italiana settimanali cattolici (Fisc), il quotidiano Avvenire, l’emittente televisiva Tv2000, l’agenzia di stampa SIR, Servizio Informazione Religiosa (SIR), l’Unione cattolica della stampa italiana (Ucsi), l’agenzia di stampa internazionale ZENIT, l’Ordine giornalisti delle Marche, il giornale diocesano L’Ancora e grazie al supporto delle due diocesi di San Benedetto del Tronto e di Ascoli Piceno.

pellegrini cyber spazioPellegrini nel Cyberspazio è il III convegno dedicato all’informazione digitale dal titolo Raccontare la foresta che cresce; un variegato tavolo di interventi affidato alle voci più autorevoli dell’informazione italiana che ha posto all’attenzione dei presenti l’esigenza sempre nuova e urgente di “Essere voci di chi non appare” come ha sottolineato il presidente della Fisc (Federazione Italiana Settimanali Cattolci) Francesco Zanotti.  È  “il Papa che testimonia per primo con i gesti e le parole” questo nuovo modo di comunicare mostrando al mestiere del giornalista una rivoluzione mediatica radicale. Cosa vogliono i lettori? Cosa cerca la gente sfogliando le pagine di un giornale, o scorrendo tra le notizie in rete? “Questo – ha proseguito Zanotti – ci costringe a metterci in ascolto”.
La dimensione popolare della stampa cattolica italiana premia chi la fa perché trova risposta, trova eco e corrispondenza nel numero crescente di lettori che si vedono raccontati, si ritrovano nei fatti e in particolare trovano rispetto, trovano voce, si identificano in una sobrietà di stili e comportamenti di cui l’informazione oggi detta le regole (a volte discutibili).
Fabio Zavattaro ed Enzo Romeo (vaticanisti); Domenico delle Foglie (direttore del Sir); Andrea Domaschio (caporedattore RadioInBlu); Claudio Turrini (vicedirettore ToscanaOggi); monsignor Domenico Pompili (vescovo di Rieti e già direttore dell’Ufficio nazionale per le Comunicazioni sociali della Cei); Elisabetta Tola (Google Italia); Massimo Donaddio («Il Sole 24 Ore»): sono solo alcuni dei relatori presenti al meeting, alle prese con “La foresta che cresce”, il variegato mondo del digitale da amare, conoscere, gestire, masticare, ripulire, mediare.

L’occasione è buona per ringraziare.
Nell’ambito della manifestazione, anche il Premio giornalistico, giunto come il meeting, alla terza edizione.
Clarus, candidato nella sezione “grafica”, è andato il migliore riconoscimento per la fruibilità del sito, la giusta collocazione delle notizie, la visibilità di foto e informazioni, la reperibilità in rete dei dati da noi custoditi. Un premio che onora la Redazione intera, che rende merito alle persone che con costanza offrono il meglio di sè in questo lavoro permettendo alla nostra di diventare una bella famiglia e di crescere: Michele Menditto (giornalista e web master), Giovanna Corsale (giornalista) impegnati quotidianamente; Alfonso Feola e Anna Rita Zulla (anch’essi giornalisti) e poi un variegato numero di collaboratori e amici dal territorio e dalle parrocchie con notizie e storie da regalarci.
clarus Vince premio fiscRisultati che offrono nuove motivazioni e lo stimolo a fare di più.
Una famiglia che include la presenza del nostro vescovo, Mons. Valentino Di Cerbo, anche lui paziente artigiano della comunicazione, di quella che nasce dall’esperienza personale fatta di incontri, di ascolto, di tanti silenzi e poi di idee e progetti concreti, di cui si ha voglia di parlare, di raccontare, di restituire alla comunità.
Don Emilio Salvatore, direttore editoriale dell’intero progetto Clarus, che ne ha seguito la nascita e oggi – fidandosi – ci lascia percorrere con serenità la nostra strada di modesti giornalisti.
Alla Fisc che ancora una volta  ci inserisce in un contesto fatto di formazione, confronti, dialoghi sempre aperti con il resto d’Italia e con veri professionisti dell’informazione.
A voi lettori, che avete fiducia e credete nell’onestà intellettuale e nel buon cuore di chi riempie queste pagine.

Ecco gli altri premi assegnati nelle diverse categorie:
Sezione giornalistica a “La fede al tempo del Bataclan” della Gazzetta d’Alba.
Sezione fotografia a “Il presepe dentro il gommone” di Mario Barbarisi de Il Ponte.
Sezione video a “Mohamed e gli altri 26: da 14 Paesi a Casa Scalabrini” di Laura Galimberti di www.altrodadire.org
Premio speciale della rivista “50 Più” all’articolo “Un pareo per il bene in Benin” del sito www.agirenotizie.it

Rispondi