Home Territorio Altri dodici nei guai per truffa e rissa

Altri dodici nei guai per truffa e rissa

430
0

Denunce a raffica sul territorio

Nell’ambito di una vasta operazione predisposta dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese, dodici persone sono finite nei guai per reati che vanno dalla truffa all’appropriazione indebita, dai reati di falsità alla mancata esecuzione dolosa di provvedimenti emessi dall’Autorità Giudiziaria, dalla rissa alle lesioni personali, dall’abusivismo edilizio ad altri reati contro l’ambiente. Ad agire i militari delle Stazioni di Piedimonte, Prata Sannita e Ailano.
A Piedimonte Matese, una coppia di 38 e 34 anni, marito e moglie, sono stati denunciati per false dichiarazioni rese ad un Pubblico Ufficiale. I due, indiziati quali autori di un furto commesso alcuni giorni fa in provincia di Isernia, interrogati dai militari della Stazione di Piedimonte, hanno fornito un falso alibi, dichiarando falsamente che la notte del furto, si trovavano in compagnia di alcuni parenti, che smentivano categoricamente tali affermazioni.
Per truffa ai danni dello Stato, è finito nei guai un 35enne di Piedimonte Matese, operatore ecologico, che all’atto del controllo risultava assente dal luogo di lavoro, senza giustificato motivo. Per appropriazione indebita, è stata denunciata una 45enne, originaria di Piedimonte e attualmente residente nel nord Italia, che dopo aver ricevuto tramite bonifico bancario la somma di 2.500,00 euro, da una sua cugina, di Piedimonte, per affrontare alcune spese funerarie relative al decesso di un loro congiunto, si impossessava illecitamente del denaro, omettendo di versarlo all’impresa funebre. E per lo stesso reato, è finito nei guai un 40enne della provincia di Isernia, che dopo aver ricevuto in prova un cavallo di razza del valore di circa 3.500,00 euro, da parte del proprietario, residente a Prata Sannita, se ne impossessava illecitamente, omettendo di versare la somma di denaro pattuita.
Un 57enne, residente nel nord Italia, è stato denunciato per truffa aggravata ai danni di un 50enne di Gallo Matese. L’uomo, con artifizi e raggiri, veniva in possesso di un assegno bancario per un importo di euro 1.500,00, che era stato emesso a favore della vittima, e dopo averlo contraffatto lo poneva illecitamente all’incasso.
Un 47enne di Piedimonte, dovrà invece rispondere di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice. Lo stesso, secondo quanto accertato dai militari, ometteva il rilascio di un immobile destinato alla sua ex consorte, così come disposto con provvedimento della competente Autorità Giudiziaria. Quattro persone di Ailano, di 34, 29, 40 e 25 anni, sono state denunciate per rissa e lesioni personali.  Le stesse, per dissidi familiari sorti a seguito di questioni ereditarie, hanno partecipato ad una rissa, nel corso della quale hanno riportato lesioni giudicate guaribili dai tre ai cinque giorni di prognosi.
Infine a Gioia Sannitica, un 70enne del luogo, è finito nei guai per abusivismo edilizio e violazioni in materia ambientale. In qualità di proprietario era intento alla realizzazione di una costruzione in assenza delle prescritte concessioni edilizie e in luogo sottoposto a vincolo paesaggistico. (Comunicato Stampa Carabinieri Piedimonte)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.