Home Territorio Sinergia tra comuni per le politiche giovanili

Sinergia tra comuni per le politiche giovanili

465
0

A Piedimonte si incontrano i sindaci del Distretto scolastico 21 per un accordo sui progetti indirizzati ai giovani del territorio

Il Comune di Piedimonte Matese ha accolto la quasi totalità dei sindaci del Distretto scolastico 21.
E’ accaduto ieri mattina, quando i primi cittadini si sono riuniti con l’obiettivo di porre in sinergia risorse da investire nel campo delle politiche giovanili, un tema questo già affrontato durante l’ultimo Consiglio comunale nel capoluogo matesino, quando venne approvato lo schema di convenzione che i sindaci avrebbero dovuto stipulare per sviluppare insieme un piano territoriale per iniziative indirizzate ai giovani del comprensorio. E tra queste troviamo la promozione dei Servizi Informagiovani, il Forum dei giovani, e altri progetti che si caratterizzano per l’obiettivo di coinvolgere le giovani generazioni in una cittadinanza attiva, il tutto realizzato in rete tra i comune e associazioni.
Le risorse per mettere in moto queste proposte territoriali provengono sia dalla Regione Campania, che finanzia i tre quarti dei fondi necessari, che dagli stessi comuni, per un totale di 100mila euro circa.
Soddisfatto l’assessore alle Politiche giovanili di Piedimonte Costantino Leuci (nella foto), che racconta come egli stesso abbia seguito l’iter recandosi a Napoli in Regione a chiedere una proroga sui tempi utili a presentare il progetto, che altrimenti si sarebbe spento senza risultati.  “Il Dirigente Responsabile, dottor Gaspare Natale – dice Leuci –  ci ha dato fiducia e ci ha concesso una proroga  per chiudere l’iter progettuale entro il 31 luglio. Ci siamo attivati subito e in poche settimane abbiamo recuperato il ritardo di due anni“.
Compiaciuto anche il sindaco Vincenzo Cappello, che parla di “preziosa opportunità per sostenere con maggiore forza le politiche a vantaggio dei giovani che noi in verità portiamo avanti da tempo con risorse però sempre più modeste per i tagli sempre più forti ai fondi trasferiti per le politiche sociali”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.