Home Attualità Comunita' Montana e contributi: le precisazioni di Clarus

Comunita' Montana e contributi: le precisazioni di Clarus

570
0

Nota dell’Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi di Alife-Caiazzo

In merito ad alcune polemiche che nei giorni scorsi hanno coinvolto, ingiustificatamente, anche il periodico edito dalla Diocesi di Alife-Caiazzo, Clarus, circa l’erogazione di contributi da parte di enti pubblici territoriali, l’Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi, per rispetto dei propri lettori e per amore della chiarezza e della verità, precisa quanto segue:

in data 05.12.2008, su proposta della Comunità Montana del Matese, la Diocesi di Alife-Caiazzo stipulava con l’ente montano specifica convenzione, attraverso un protocollo d’intesa, con allegato piano di comunicazione;
tale protocollo d’intesa aveva come obiettivo l’inserimento della Diocesi in una più ampia azione di partenariato che la Comunità Montana andava ad intraprendere con Università e altri Enti territoriali, per la divulgazione delle proprie attività inerenti il bacino di competenza;
la Comunità Montana del Matese individuava il periodico Clarus, all’epoca pubblicato con cadenza quindicinale, come “soggetto di riferimento per le politiche di divulgazione e informazione sul territorio”, essendo dotato di redazione giornalistica e avendo ottenuto dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere registrazione, come testata, dal 17.02.2004; 

la redazione del periodico Clarus inseriva quindi, nel proprio inserto “Istituzioni&Territorio” una ulteriore informazione ragionata, con approfondimenti e focus anche di natura scientifico-didattica, grazie al coinvolgimento di esperti e professionisti del settore (biologi, agronomi, geologi, ornitologi ecc.) contattati, di volta in volta, dalla redazione, su tematiche inerenti le competenze e le attività portate avanti anche dall’ente montano;
l’inserto, di quattro pagine a colori formato tabloid, pubblicato due volte al mese per due anni, veniva puntualmente fornito, di volta in volta, all’ente montano nella quantità di copie richieste, spettando a quest’ultimo ogni onere relativo alla diffusione/distribuzione del materiale così prodotto e stampato;
l’amministrazione del periodico Clarus inviava, in data 02.09.2010 alla Comunità Montana del Matese nota di disdetta del protocollo d’intesa, per evitarne il tacito rinnovo, in virtù delle cifre ancora non corrisposte, come pattuito, e fissate in 6.000 euro annui, regolarmente fatturati, per la durata di due anni;
il saldo delle cifre pattuite avveniva nel mese di gennaio del 2012;
il rapporto giuridico ed economico-finanziario tra Comunità Montana e Diocesi, in virtù del richiamato protocollo d’intesa, non coinvolgeva direttamente la redazione del periodico, ma aveva come soggetti di riferimento i legali rappresentanti dei due enti e i relativi uffici amministrativi;
si chiarisce, pertanto, che le somme erogate dalla Comunità Montana del Matese non sono state assegnate al periodico Clarus,  a seguito di specifica istanza, sotto forma di contributo: è stata la Comunità Montana del Matese a chiedere alla Diocesi di Alife-Caiazzo, Ufficio Comunicazioni Sociali, la divulgazione a mezzo stampa delle proprie attività istituzionali, attraverso l’unico periodico del territorio dotato legalmente di riconoscimento come testata giornalistica;

l’inserto prodotto dalla redazione nel biennio 2009/10, è visionabile, in copia, presso i nostri archivi, in via Scorciani Coppola 234, Piedimonte Matese.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.