Home Attualità Brucia ancora il Cila

Brucia ancora il Cila

500
0

Dalla notte scorsa la situazione è peggiorata, diversi focolai rendono complicati gli interventi che da ieri non si sono mai fermati. Stamattina l’elicottero regionale della Protezione Civile è entrato in azione

Non si ferma l’avanzata delle fiamme sul monte Cila a Piedimonte Matese. Questa mattina la città si è svegliata con il monte ancora terribilmente fumante. Uno spettacolo che tanti pensavano di non dover vedere durante l’estate di quest’anno.
Almeno un paio di ettari di vegetazione, con i numerosi uliveti, sono andati bruciati. I volontari della Protezione Civile e gli addetti del Servizio Antincendio della Comunità Montana del Matese  si trovano sul fronte dell’incendio da questa notte senza sosta, nel cercare di intervenire e bloccarne l’avanzare. Un’attività da gestire su più punti, coordinata dagli stessi addetti della Comunità Montana.
Durante la tarda notte la situazione è peggiorata, complice il vento che è stato il fattore principale della rapida estensione delle fiamme. E di nuovo questa mattina tra le ore 5 e le 6 il fuoco è ritornato a bruciare senza controllo.
Da stamattina è in azione anche l’elicottero del Settore Protezione Civile della Regione Campania, che sfreccia in spola a gran velocità per gettare acqua nel minor tempo possibile.

Purtroppo, come è facile notare dalle immagini, si sono sviluppati più focolai che hanno reso complicati gli interventi. E’ quasi l’intero fianco piedimontese a bruciare e fumare, col fuoco che si avvicina pericolosamente sia alle grosse condotte verdi della centrale Enel, sia verso il basso in direzione del vallone Paterno, dove si trovano alcune abitazioni e animali.
La via di comunicazione che collega Piedimonte a Castello continua a rimanere aperta al traffico, con i prevedibili e inevitabili rallentamenti, presidiata dai Vigili Urbani. Infatti il pericolo, oltre al fuoco, è costituito dalla caduta di alcuni massi, poiché le fiamme sono avanzate anche verso l’alto superando la strada.
Diversi, durante la notte, i testimoni dello sconcertante spettacolo che ha preso tristemente vita, allibiti e fermi ai Pioppetelli e a Castello, ai quali la situazione è parsa subito meno gestibile del solito. Alcuni cittadini, attorno a quell’ora, hanno anche contattato il 115, preoccupati e in preda alla rabbia per il ritardo di mezzi di soccorso più efficaci. E difatti nella notte, tra le 01.30 e le 3, sono intervenuti i Vigili del Fuoco.
C’è una grande abitazione circondata dai focolai, ma ci assicurano che in questi istanti nessuna persona si trova al suo interno, neanche ieri sera quando tutto è incominciato.

Tutte le foto sulle fiamme della notte scorsa nel nostro album online

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.