Home Attualità Parco del Matese. Si attende l'impegno di tutti

Parco del Matese. Si attende l'impegno di tutti

795
0

Si torna a parlare della qualità dei nostri boschi, fonte di ricchezza per il territorio

La spia luminosa si riaccende sul Parco Regionale del Matese con un intervento postato sulla pagina Facebook dell’Ente, dall’ex presidente Giuseppe Falco. Il commento fa riferimento alle possibilità e alla ricchezza dei boschi del Matese “che – come si legge – ci spinse a inaugurare il Centro Studi e Ricerca delle Foreste del Matese in Fontegreca (CE), elaborando alchimie contabili pur di non rinunciare all’importante riconoscimento di boschi di qualità certficati dalla FSC. Gli amministratori dei comuni devono rivolgere maggiore attenzione a questo loro grande patrimonio, iniziando con l’elaborazione dei Piani di Assestamento Forestale in modo da poter avere prodotti di qualità utilizzati dalle multinazionali come IKEA”. Falco fa riferimento al territorio di Cusano Mutri (Bn) con circa 2455 ettari per finire a Prata Sannita (Ce) con 210 ettari. Si tratta dell’invito rivolto agli amministratori locali perchè in un momento di crisi economica come questa “è necessario partire dalla gestione, valorizzazione e tutela delle proprie ricchezze. I boschi sono e devono essere il salvadanaio necessario per la sopravvivenza dei nostri piccoli comuni”.
In merito non è mancata la sollecitazione e la richiesta di un parere all’attuale presidente dell’Ente Parco, Umberto De Nicola, il quale attende a breve di incontrare i sindaci dei comuni facenti parte del Parco per organizzare e pianificare le linee di governo che possano dare  continuità al progetto già avviato.  “Per il Matese si tratta di un’occasione da non sottovalutare – ha affermato. Siamo qui per costruire e guardare allo sviluppo del territorio, che di sicuro, contando sulla collaborazione dei comuni, non potrà mancare”.
Impegno congiunto di sindaci e amministratori allora perchè l’economia matesina si rimetta in moto. Spazio all’azione di governo concreta che attinga dal territorio, quindi dall’interno, i presupposti di benessere futuro.

Intanto il Parco si prepara ad accogliere un gruppo di studiosi e ricercatori riuniti per il 107mo Congresso della Società Botanica Italiana che si terrà a Benevento (complesso universitario S.Agostino) dal 18 al 21 settembre. A conclusione dei lavori, il 22 settembre è prevista una visita al Parco Paleontologico di Pietraroia e alla Cipresseta di Fontegreca. Qui il Parco del Matese sarà impegnato a fare gli onori di casa in collaborazione con la Comunità Montana e il Corpo Forestale dello Stato.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.