Home Curiosità Piedimonte Matese. La Maggioranza resta sola in Consiglio comunale

Piedimonte Matese. La Maggioranza resta sola in Consiglio comunale

533
0

Progetto Civico per Piedimonte contesta l’irregolarità dell’ordine del giorno e abbandona l’aula

Fuori programma nella seduta dell’ultimo consiglio comunale a Piedimonte Matese. La minoranza di Progetto civico per Piedimonte ha abbandonato l’aula dopo aver segnalato alcune irregolarità sull’ordine del giorno della seduta e così è stato anche per Ranieri Vitagliano di Sinistra Matesina, sorpreso di non aver trovato tra i punti della discussione anche le sue proposte.
Per Progetto Civico il nodo è stata la data in cui il Consiglio è stato convocato per  votare il riequilibrio di bilancio (cioè il primo ottobre), non solo perché andati oltre i tempi consentiti ma anche perché la nota sulla proroga di tale provvedimento “non riguardava i Comuni come Piedimonte Matese che avevano già provveduto all’approvazione del Bilancio entro l’Estate (vedasi circolare ANCI)”.
A questa contestazione si è aggiunta quella legata ai tempi di convocazione dei Consigli comunali e l’irregolarità delle sedute delle Commissioni, svolte non sempre con il numero legale.
Il gruppo di minoranza ha chiesto al presidente del Consiglio comunale Benny Iannitti di sciogliere la seduta in atto date le irregolarità segnalate. Non trovando accoglienza a tale richiesta, Progetto Civico per Piedimonte e Sinistra Matesina hanno abbandonato l’aula. Scelta che ha poi determinato un severo comunicato da parte dello stesso Iannitti teso a chiarire la posizione regolare delle decisioni assunte dalla Presidenza: “E´ con grande rammarico che la Presidenza del Consiglio Comunale di Piedimonte Matese ha dovuto riscontrare la pretestuosa presa di posizione della minoranza consiliare che ha abbandonato l´aula senza confrontarsi  sull´argomento da lei stessa sollevato. (…) La convocazione e l´OdG consiliare sono coerenti con la legge e con la prassi, anche se non sono graditi a chi si allontana immotivatamente. Quello che non è corretto è formulare proposte ed andarsene, questo è comportamento incoerente e scollegato da valutazioni amministrative; questa è pura demagogia ed è il volontario errore in cui incorre chi non ha materia di discussione da incardinare ma solo vuoti pragmatici da mascherare”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.