Home Curiosità Rapporto Censis sulla comunicazione: è l'era "biomediatica" dei social network

Rapporto Censis sulla comunicazione: è l'era "biomediatica" dei social network

560
0

I media siamo noi: i social network hanno ridescritto il rapporto tra individuo e comunicazione. Ma su tutto aleggia lo spettro del rischio privacy

Siamo ormai nell’era “biomediatica“:  l’utente diventa il contenuto della comunicazione. Attraverso il web 2.0, i social network, la miniaturizzazione dei dispositivi hardware e la proliferazione delle connessioni mobili, le persone trascrivono e condividono per via telematica la propria biografia. Tutto questo è al centro del decimo Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione, riassunto dallo slogan “I media siamo noi“, presentato ieri a Roma.
Tra i dati messi in evidenza dal Rapporto, emerge l’aumento dell’utenza di Internet (è il mezzo con massimo incremento) usato dal 62,1% degli italiani (+9% in un anno), mentre cresce del 10% quella degli smartphone ( il 54,8% dei giovani).
C’è anche il dato Facebook: gli iscritti al social network passano dal 49% dello scorso anno all’attuale 66,6% degli internauti, ovvero il 41,3% degli italiani e il 79,7% dei giovani. Incrementi anche per YouTube, che nel 2011 raggiungeva il 54,5% di utenti tra le persone con accesso a Internet, arriva ora al 61,7%.
Si riducono i consumi di quotidiani (-2,3%), ma i portali web d’informazione generici sono utilizzati ormai da un terzo degli italiani (il 33% nel 2012). Non è il bisogno d’informazione a essere diminuito, ma sono le strade percorse per acquisire le notizie ad essere cambiate. C’è la tendenza a personalizzare l’accesso alle fonti e la selezione dei contenuti.
E la privacy? Uno degli effetti più controversi dell’attuale fase della rivoluzione digitale è l’impatto sulla tutela della riservatezza e la protezione dei dati sensibili, ma la gran parte degli utenti di Internet tollera di buon grado l’indiscrezione dei social network basata sull’autoesposizione. Il 75,4% di chi accede a Internet ritiene infatti che esista il rischio che la propria privacy possa essere violata sul web.
Il diritto all’oblio. Una grande maggioranza dei cittadini (il 74,3%) è favorevole al diritto di essere dimenticato: le informazioni personali sul nostro passato, se negative o imbarazzanti, dovrebbero poter essere cancellate quando non sono più asservite al diritto di cronaca.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.