Home Chiesa e Diocesi Caiazzo. Il Vescovo Di Cerbo nella festa di Santo Stefano: "Il nostro...

Caiazzo. Il Vescovo Di Cerbo nella festa di Santo Stefano: "Il nostro futuro è Dio"

686
0

L’invito di  S.E.Mons.Di Cerbo in occasione della festa del Compatrono diocesano a vivere la forza e la bellezza della fede

CLICCA QUI PER VEDERE TUTTE LE FOTO

Come ogni anno, il ricordo di Santo Stefano Menecillo, è l’occasione per fare memoria di una storia che ha segnato in profondità la fede e la spiritualità di un popolo che ha conosciuto il suo santo patrono, da lui ha ricevuto grazie attraverso miracoli che in vita e in morte egli ha compiuto. Ieri sera S.E.Mons.Valentino Di Cerbo ha presieduto la solenne eucarestia nella Concattedrale di Caiazzo dove sono custodite le reliquie del Santo. Con lui il clero diocesano e i parroci della città. “Siamo qui a guardare e a contemplare l’opera di Dio nel santo vescovo Stefano Menecillo e a interrogarci sul messaggio che ci trasmette la sua vita, interamente fondata  sull’amore per Dio e per i fratelli. Questa festa la celebriamo nell’anno della fede iniziato l’11 ottobre. Anno in cui il Papa invita i cristiani a comprendere la forza e la bellezza della fede, così come aveva scoperto Santo Stefano”.
Nelle parole del Vescovo il ricordo del passato, della storia, dei miracoli, ma anche una riflessione proiettata al futuro, alle domande di vita che si impongono oggi ad ogni uomo e donna di fede. “Siamo qui non per una celebrazione nostalgica  perchè il cristiano non vive di nostalgia. Egli sa che il meglio non sta alle sue spalle, bensì dinanzi a lui, dove lo precede il Signore. Il futuro per noi cristiani è Dio”. L’omelia di Mons.Di Cerbo è un susseguirsi di provocazioni e domande che interrogano sull’autenticità della fede in questo tempo “in cui tante volte i cristiani non brillano più e non sono più il sale della terra fino a negare l’esistenza di Dio nel mondo. Eppure Egli è presente nel mondo e tra gli uomini permettendoci di vivere ed esistere in quanto suoi pensieri d’amore” . La fede è un presupposto scontato? Le parole del Vescovo Di Cerbo suggeriscono anche la risposta alla forte provocazione lanciata ai fedeli riuniti: “La fede è la risposta all’ascolto di Dio; essa si rivela nelle opere di carità della nostra vita, così come fu per Santo Stefano che conobbe la fede e la bellezza della fede”.
Fede e carità sono le strade che il Vescovo Valentino traccia durante tutto il suo intervento invitando alla preghiera quanto alla testimonianza. E’ la fede dunque che rivela  Dio agli uomini attraverso i miracoli, come avvenne per mano di Santo Stefano. “Ecco il futuro e la strada che ci indica  Santo Stefano  – ha spiegato Mons.Di Cerbo – lasciarsi afferrare dai sogni grandi di Dio perchè Egli si riveli anche oggi attraverso i miracoli che affida alle nostre mani, alle nostre azioni di amore. Primo impegno  fra tutti, educare le famiglie e i giovani a vivere la grandezza della vita senza banalità”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.