Home Attualità Accorpamento Province. Benevento capoluogo, Avellino protesta in piazza

Accorpamento Province. Benevento capoluogo, Avellino protesta in piazza

1680
0

Dal web alla piazza per difendere Avellino capoluogo. Scatta la protesta con manifesti a lutto, striscioni e sit-in davanti Palazzo Caracciolo, sede dell’amministrazione provinciale che dal 2014 dovrà accorparsi al Sannio con Benevento città capoluogo.
Studenti, commercianti e tifosi di calcio si erano mobilitati prima sui social network per poi manifestare tutti insieme in piazza Libertà contro il piano di riordino delle province deciso dal governo Monti. Sui manifesti a lutto affissi davanti alla Provincia si annuncia per oggi la fine della città di Avellino, con accuse ai politici locali “invitati a non partecipare al corteo funebre”.
“Non hanno fatto nulla per evitare tutto questo”, dicono. Su uno striscione che annuncia ironicamente il lutto cittadino si avverte: “Da oggi ricordatevi di mettere il capoluogo di appartenenza: Avellino (Bn)”.
Un commerciante storico, Roberto De Pascale denuncia: “Siamo stati raggirati”. E il capo degli ultras della Curva Sud dell’Avellino calcio, Franco Iannuzzi, annuncia una manifestazione di protesta per domenica allo stadio in occasione del derby Avellino-Sorrento.
“La politica – dice – ha fallito, ma noi ci ribelleremo e non intendiamo fermarci”. Ad incontrare i manifestanti è stato il presidente della Provincia, Cosimo Sibilia, che spera di riaprire la partita in Parlamento e davanti alla Corte Costituzionale. “Finora abbiamo fatto il possibile, ma ora sarebbe auspicabile un fronte compatto in Parlamento”. La locandina funebre dagli organizzatori affissa sul portone di Palazzo Caracciolo, è stata rimossa dalla Digos. Ma altri manifesti sono comparsi persino all’ingresso del cimitero comunale. Con lo slogan “Nessuno tocchi Avellino” la protesta per ora continua a viaggiare sul web.

(da Repubblica.it)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.