Home Attualità Terra di Lavoro. Prelibatezze a "chilometro zero"

Terra di Lavoro. Prelibatezze a "chilometro zero"

563
0

Domani a Sant’Angelo d’Alife la Pro Loco organizza “Pane, olio e…fantasia”: gusto ed escursionismo tra le colline matesine

Pane e olio. Da sempre questo connubio seduce anche i palati più raffinati, per la sua semplicità millenaria che accompagna la storia dell’uomo, coniuga sapori e paesaggi, declina profumi e varietà in una miscela di tradizioni, riti, gesti e scenari. Il digradare delle colline di Terra di Lavoro, da Sessa Aurunca a Caiazzo, da Capriati a Volturno a Gioia Sannitica, è, in questi giorni di novembre, teatro naturale di uno dei rituali più antichi per il mondo agricolo, quello, appunto, della raccolta delle olive e della molitura presso i frantoi. Un tesoro fra i più preziosi che specie negli ultimi anni ha acquisito un valore sempre più alto, collocandosi tra i prodotti agroalimentari più apprezzati anche fuori regione. E’ anche per questo motivo che soprattutto nei piccoli centri in cui la coltivazione dell’ulivo è diffusissima, si moltiplicano le iniziative culturali collegate al tempo della raccolta e della molitura. Una raffica di appuntamenti in cui saranno proprio il pane e l’olio gli ingredienti fondamentali, nell’ottica di un recupero di quelle abitudini alimentari del «tempo andato» in cui tra le merende dei ragazzi per eccellenza spiccava anche il pane con l’olio. Anche in questo senso il ruolo delle associazioni territoriali e dei comuni assume una funzione decisiva per orientare il comune sentire alla riscoperta di un ritmo di vita più sostenibile, in rapporto al territorio e alle sue risorse. Lo dimostra, del resto, la diffusione di molte iniziative che anche in Terra di Lavoro sostengono la politica del prodotto «a chilometro zero» trovando ampi consensi tra i consumatori. Anche quest’ultimo scorcio di novembre, dunque, regalerà emozioni e sapori tardo autunnali a chi sceglierà uliveti e frantoi come destinazione della propria gita fuori porta. A Sant’Angelo d’Alife, ad esempio, che da qualche anno ha ottenuto la denominazione di «città dell’olio», domenica ci sarà non una semplice sagra, ma una grande occasione di scoperta del territorio e del paesaggio collinare, in cui la forte tempra delle piante di ulivo recita da svariati secoli un ruolo da protagonista. La Pro Loco Santangiolese, infatti, con «Pane, olio e…fantasia» si propone di far conoscere sempre più pregi e virtù della varietà autoctona «tonda o nostrale», ricca di elevate qualità organolettiche e importantissime caratteristiche chimico-fisiche. «La storia millenaria della coltivazione dell’olivo sul territorio di Sant’Angelo – spiegano gli organizzatori – è legata a diversi fattori, sia pedoclimatici, sia di natura sociale, economica, politica e geografica. La favorevole esposizione verso mezzogiorno, l’eccellente microclima e la natura calcareodolomitica dei terreni realizzano condizioni estremamente favorevoli alla coltivazione dell’olivo». La giornata prevede, alle 10, presso la Casa del Parco in via Roma, l’inaugurazione dell’evento con apertura di stand gastronomici e punti degustazione, a disposizione dei visitatori fino alla sera. Alle 10.30, grazie alla sinergia raggiunta con il Forum Giovani del paese e il Circolo Avant Mountain Bike, una simpatica «pedalata dell’olio» porterà gli appassionati di cicloescursionismo alla scoperta di uno dei paesaggi più belli di Terra di Lavoro, tra altalenanti colline e suggestivi panorami sulla piana del Medio Volturno. Frantoi, case diroccate, folti uliveti, ma anche chiese, palazzi nobiliari, piccole piazze e vicoli di inebriante poesia faranno da cornice al dolce incedere delle bici nel «verde-ulivo» e fra le tonalità autunnali di Sant’Angelo. Per partecipare basta inviare una mail di prenotazione all’indirizzo forumsantangiolese@hotmail.it. La quota di dieci euro include anche il pasto. Alle 18 seguirà la premiazione dell’olio vincitore del concorso «Gli oli amici. Il migliore tra noi». Gran finale, manco a dirlo, con degustazione delle immancabili bruschette bagnate dall’olio novello. Impossibile non condividere.

Fonte Il Mattino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.