Home Territorio Primarie. Prove generali di risveglio e democrazia. Ma non basta

Primarie. Prove generali di risveglio e democrazia. Ma non basta

456
1

A Piedimonte vince Bersani, ma sul territorio domina Renzi. Buono il risultato per Vendola. Si attende il ballottaggio di domenica

“Ieri la politica del centro sinistra ha portato a casa un risultato inaspettato e incoraggiante”. Sono le parole di Vincenzo Cappello, sindaco di Piedimonte, esponente del PD, all’indomani delle primarie che in città ha visto vincere Pierluigi Bersani con 421 voti contro i 200 voti circa di Matteo Renzi.
“L’Alto Casertano – continua Cappello – si è mosso con molta libertà indirizzando il proprio voto lì dove riteneva opportuno, e l’affluenza di ieri – così spontanea – di cittadini non tesserati, o apparentemente lontani dalla politica, è la prova di un sentimento di partecipazione che si va risvegliando, ma anche della fiducia che si vuole porre nel cambiamento che coinvolgerà l’Italia alle prossime votazioni”.
Il territorio tuttavia ha portato buoni risultati soprattutto per Renzi che ha vinto a San Potito, Sant’Angelo d’Alife e Alife, raccogliendo presumibilmente anche il sostegno di simpatizzanti provenienti  dalle file del centro destra, presenti sui seggi di diversi comuni.
Anche Nichi Vendola incassa un discreto risultato (forse il più spontaneo) per mano delle fasce più giovani del territorio attivatesi nelle ultime settimane in una accesa campagna informativa sui pilastri della politica nata già presso i circoli Sel: “Il nostro è un risultato puro – affermano dal circolo Sel di Alife – emerso solo grazie all’impegno di tanti giovani volenterosi di cambiare, senza nessun politico alle spalle ad orientare il voto e la campagna elettorale”.
Prove generali di democrazia e partecipazione, dove in un tempo di forte scollamento dalla politica emerge un segnale – ancora da rafforzare – che vede il territorio movimentarsi semplicemente per un “voto primario”, anche se in termini assoluti, i dati raccolti ieri alle urne in Alto Casertano, sono ancora lontani dalla sperata partecipazione di popolo che l’Italia attende per cambiare. Basta pensare che Piedimonte Matese alle ultime elezioni amministrative ha portato alla vittoria l’attuale sindaco, esponente del PD, con un risultato decisamente schiacciante rispetto ai candidati di sinistra e del centro destra. Stesso dato si riscontra per il comune di Raviscanina, dove l’attuale sindaco Ermanno Masiello, anche lui dei colori PD, ha portato alle urne delle primarie poco più di trenta votanti.

Di seguito lo scrutinio di alcuni comuni del territorio:
Alife: Vendola 90 (24 %), Bersani 126 (33%), Renzi 157 (41%), Tabacci, 1 Puppato 5, Nulle 1, totale 380.
Castello del Matese:  Bersani 27 (47%), Vendola 21 (36 %), Renzi 9, Tabacci 0, Puppato 0.
Sant’Angelo d’Alife:  Vendola 27 (27%), Renzi 45 (45%), Bersani 26 (26%).
Letino (Gallo del Matese): Vendola (circa) 40,  Bersani 20,  Renzi 18.
Dragoni:  Vendola 18,  Bersani 17,  Renzi 14.
Piedimonte Matese ( San Potito sannitico Gioia Sannitica) Bersani 421, Renzi 21,  Vendola 58.

Clicca in basso per i risultati delle primarie in provincia di Caserta
primarie provincia di caserta

1 COMMENTO

  1. È il commento obiettivo di ciò che è accaduto ! Erano questi gli obiettivi che come comitato provinciale volevamo raggiungere, dare l’opportunità ai cittadini italiani di scegliere il Futuro Presidente Del Consiglio. La cultura e l’amore per la democrazia,il rispetto della dignità della persona,il bene comune come guida per il nostro agire non consentono a nessuno dietrologie fuorvianti o attacchi per motivi sconosciuti a persone che dedicano gran parte della loro giornata agli altri nella gratuità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.