Home Attualità La Diocesi di Alife-Caiazzo in festa per due nuovi diaconi

La Diocesi di Alife-Caiazzo in festa per due nuovi diaconi

1380
0

A Caiazzo per l’ordinazione diaconale di Antonio e Vittorio

Una cattedrale gremita ha accolto ieri sera l’evento diocesano che ormai si attendeva con trepidazione e preghiera: l’ordinazione diaconale di Antonio Di Lorenzo e Vittorio Marra, entrambi studenti prima presso la Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale, sez. San Luigi, e poi specializzandi a Roma, il primo in Storia della Chiesa, il secondo in Catechetica.
Ad “accompagnare” i due giovani le loro famiglie, le autorità civili locali, poi le comunità parrocchiali di origine (Antonio è di San Sebastiano Martire in Alvignano, mentre Vittorio è della parrocchia di Santa Maria Assunta-Cattedrale in Alife), le parrocchie di AGP (Piedimonte), di Santa Croce (Raviscanina), Maria SS.Assunta (Caiazzo) dove hanno prestato il loro servizio pastorale in questi anni, il clero diocesano, i giovani seminaristi compagni di studi, i sacerdoti amici che hanno curato la loro formazione in questi anni, e S.E.Mons.Di Cerbo, che ha rivolto loro parole di affetto e fiducia, esortandoli ad un servizio ecclesiale vivo e fedele.
Partendo dalle letture del giorno – vigilia dell’Immacolata- , il Vescovo ha tracciato il percorso dal peccato dell’uomo alla misericordia di Dio che in Maria trova il suo compimento e il riscatto dell’umanità nel “sì” incondizionato pronunciato da Ella pronunciato.
“La festa odierna pertanto,  – ha infatti pronunciato Mons.Di Cerbo – non ci chiede di incuriosirci della sua sorte, ma di guardare a Lei, e al singolare privilegio ricevuto, come a un dono per noi”. E’ sullo stile e sull’esempio di Maria che il Vescovo ha accompagnato la sua riflessione sul diaconato dei due giovani Antonio e Vittorio: “C’è una parola che Maria pronuncia alla fine dell’incontro con l’Angelo e che definisce non soltanto il suo atteggiamento davanti a Dio, ma tutta la sua persona e la sua vita: “serva”: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga in me secondo la tua parola” (Lc 1,38). Il termine “serva” sulla labbra di Maria dice affidamento, amore operoso, disponibilità ad entrare in prospettive alte, quelle cui Dio la conduce. E “serva” è la parola che fa di Maria, colei che Dio aveva colmato di grazia, la porta della nostra salvezza”.
E il servizio si configura infatti come il gesto distintivo del diacono: il servizio all’altare si traduce in opera nel servizio ai poveri, ai bisognosi, in gesti di carità permanente. Citando infatti il rituale dell’ordinazione diaconale, Mons. Valentino Di Cerbo ha ricordato che i compiti del diacono “esigono una dedizione totale, perché il popolo di Dio vi riconosca veri discepoli di Cristo, che non è venuto per essere servito, ma per servire”.
Non solo parole tese ad indicare la rotta, quelle del Vescovo, ma l’incoraggiamento e l’entusiasmo paterno per il compimento di un percorso di studio e di fede che ieri sera ha toccato un primo importante traguardo nella vita vocazionale dei due neo diaconi: “Carissimi Antonio e Vittorio, oggi è un bel giorno per la nostra Diocesi e anche per questa Concattedrale, dove tanti, prima di voi,  hanno detto si al Signore e sono diventati educatori alla vita buona del Vangelo e benedizione per la nostra Terra. Oggi Cristo acquista altre mani, altri piedi, altre voci, le vostre, per dire il suo amore ai fratelli. Vi auguro di assumere questo servizio con la fede di Maria. Nelle sue mani che hanno servito e amato Gesù depongo la vostra vita, la vostra consacrazione a Dio, i vostri propositi, le vostre speranze, perché formi in voi nuovi servi del Signore, capaci di diventare segni credibili e strumenti della tenerezza e della misericordia di quel Dio che compie meraviglie per i suoi figli”.
Così ha concluso S.E.MOns.Valentino Di Cerbo prima di procedere con il rito dell’Ordinazione diaconale. Un’assemblea in silenzio e in preghiera ha abbracciato – prima idealmente e poi in concreto – questo dono che il Signore ha voluto elargire alla chiesa di Alife-Caiazzo.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.