Home Territorio Raffica di denunce e sequestri in tutto l'Alto Casertano

Raffica di denunce e sequestri in tutto l'Alto Casertano

411
0

Furti, truffa, minaccia e altri reati, dodici persone finiscono nei guai durante una operazione dei Carabinieri

Nell’ambito di una vasta operazione predisposta dalla Compagnia Carabinieri di Piedimonte Matese, dodici persone sono finite nei guai per reati che vanno dai furti alla truffa, dalle minacce al danneggiamento, dall’ inosservanza all’obbligo di garantire l’istruzione ai figli minori alla guida senza patente ed altri reati di vario genere. Ad agire i militari delle Stazioni di Piedimonte, Alife, Alvignano e Ailano. A Piedimonte Matese, un 37enne del posto è finito nei guai in quanto riconosciuto responsabile del furto di due assegni postali dell’importo di millecinquecento euro commesso ai danni di una 34enne del luogo.
Sempre per furto è stato denunciato un 45enne di Piedimonte che ha asportato un telefonino cellulare di ultima generazione del valore di circa cinquecento euro ad una commerciante del posto. Per minacce nei confronti di un 45enne, è finito nei guai un 47enne di Piedimonte, mentre un 49enne ed una 27enne, sempre di Piedimonte, sono stati denunciati per danneggiamento e minaccia aggravata, in quanto per futili motivi hanno danneggiato la porta di ingresso dell’abitazione di un 28enne, minacciandolo inoltre di volergli incendiare l’appartamento e l’autovettura di sua proprietà.
Un 30enne di Acerra, nel napoletano, è stato denunciato per truffa e falsità materiale commessa dal privato, in quanto al fine di trarne un ingiusto profitto, denunciava presso una compagnia assicurativa di aver subito un danneggiamento della propria autovettura, a seguito di un sinistro stradale che i militari hanno scoperto non essere di fatto mai avvenuto, con un veicolo di proprietà di un 50enne di Piedimonte Matese, chiedendo un risarcimento economico per i danni denunciati.
Una coppia di genitori, lui 44enne, lei 38enne, entrambi di Piedimonte, sono stati denunciati per inosservanza dell’obbligo di garantire l’istruzione ai figli minori. In quest’ultimo caso, i militari hanno scoperto che i due senza giustificato motivo, omettevano di assicurare la frequenza del figlio minore presso una scuola elementare di Piedimonte, pur risultando regolarmente iscritto.
Un 20enne di Dragoni è stato denunciato perché sorpreso alla guida di un’autovettura, nonostante lo stesso non avesse mai conseguito la patente di guida, mettendo così in grave pericolo la sicurezza stradale. Il veicolo è stato sottoposto a sequestro.
Infine, a carico di un 35enne di Piedimonte e un 48enne di Alife, sono state applicate misure cautelari per una serie di reati contro il patrimonio e la persona commessi negli anni precedenti.

Comunicato stampa Comando Provinciale Carabinieri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.