Home Arte e Cultura Romantic Lies. Il grande passo del primo album in studio

Romantic Lies. Il grande passo del primo album in studio

1292
0

Alla storia di successo dei Romantic Lies si aggiunge un nuovo capitolo musicale

Un anno intero. Tanto è durato il lavoro per la realizzazione di Civil War, il primo album dei Romantic Lies uscito da poche settimane. Un anno di assenza da concerti, concorsi, manifestazioni musicali per concentrarsi solo su questo obiettivo. Il risultato? Straordinario. Frutto di ore passate a scrivere musica e testi, correggere, provare, perfezionarsi. Tempo trascorso nella piccola sala prove dove quasi non c’è spazio per muoversi. Dal 2006, anno in cui la band muove i primi passi -anzi, le prime note!-, i Romantic Lies (Michele Zappulo, voce; Maurizio Gobbo, chitarra e voce; Alberto Laurella, chitarra solista; Lucio Pietrangeli, basso; Salvatore Laurella, batteria) hanno raccolto tantissime soddisfazioni.
Dopo la vittoria del concorso Le voci di dentro che ha permesso la partecipazione, nel 2008, al Sanremo Rock (terzi classificati), la band ha praticamente monopolizzato il panorama musicale locale: nel 2011 le affermazioni al Caserta Rock City (occasione in cui ha “aperto” il concerto di Pino Scotto e dei Ministri) e al Mama’s Factor, oltre il secondo posto conquistato alla competizione You Are The Talent tenutasi al Centro Commerciale Campania. Infine il trionfo all’Heineken Jammin’ Contest e la partecipazione al Pummarock festival (rassegna musicale regionale che ha visto la straordinaria partecipazione dei 24Grana e dei 99 Posse). “Suonare live ci dà la possibilità di essere noi stessi” afferma Michele; “è così che riusciamo a trasmettere agli altri qualcosa che ci rende felici, una parte di noi stessi. Quando da sopra un palco ti accorgi che quelle persone sono lì per ascoltarti, per ascoltare la nostra musica, che si emozionano, allora avverti una sensazione indescrivibile. Provare e riprovare i brani in sala ci diverte. Ma suonarli dal vivo ha tutto un altro sapore, è come se li suonassimo sempre per la prima volta!”
Il 2011 può essere considerato l’anno della svolta. L’ingresso di un nuovo componente (Lucio Pietrangeli) e i numerosi successi convincono i ragazzi ad incidere un album, il primo. E finalmente il contratto con la Marlen Records, casa discografica californiana, permette ai Romantic Lies di progettare e realizzare Civil War

Il resto del racconto sulla realizzazione del primo lavoro in studio è su CLARUS.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.