Home Territorio Le parole del presidente Aido per il giovane Elia Occhibove

Le parole del presidente Aido per il giovane Elia Occhibove

824
0

Ogni volta che la vita vince sulla morte, siamo in presenza di una notizia che non può essere taciuta ma che, al contrario, va amplificata con ogni mezzo“.
Comincia così il comunicato che il presidente dell’Aido Campania e del gruppo comunale di Piedimonte Matese, Guglielmo Venditti, ha voluto diffondere alla notizia della donazione degli organi autorizzata dai genitori del giovanissimo Elia Occhibove, il 18enne di San Potito Sannitico vittima di una caduta dalla terrazza della sua abitazione, un incidente che gli ha causato diversi traumi interni e che alla fine gli è stato fatale, poiché si è spento ieri dopo il ricovero all’ospedale civile di Caserta.
Per Venditti l’espianto degli organi è stato un gesto che vale la pena di enfatizzare, e così scrive:

“In un momento di dolore profondo, violento, devastante che colpisce una famiglia, il papà e la mamma di Elìa Occhibove, di San Potito Sannitico, hanno trovato la forza d’animo e la serenità di dire un grande “sì” alla vita.
Elìa era un bel ragazzo di 18 anni che, nel pieno della gioia della giovane età, si impegnava con profitto a scuola, nello sport e in tante altre passioni e interessi.
I suoi genitori hanno voluto donare la vita del loro figliolo a qualcuno che non conosceranno o incontreranno mai ma che, adesso, vede premiata la speranza di poter rinascere.
Come Presidente dell’AIDO Campania e del Gruppo Comunale AIDO “Liberato Venditti” di Piedimonte Matese, voglio esprimere la nostra sentita partecipazione al dolore che ha colpito la famiglia Occhibove, voglio dire grazie per l’altissimo gesto di solidarietà umana e cristiana che hanno compiuto.
Non è vero che la società oggi è egoista, sorda ai bisogni dei più deboli, vinta dalla crisi che la attanaglia: il gesto di amore compiuto dalla famiglia Occhibove ci indica che l’animo umano conserva un profondo senso di fratellanza e disponibilità verso il prossimo, occorre solo fare emergere questi sentimenti, senza paura, per vincere il senso di solitudine e di smarrimento.
Consentitemi di dire un grazie convinto e sincero anche alla dottoressa Anna Fabrizio, anestesista rianimatore e coordinatore per i trapianti dell’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, dove è avvenuto il prelievo degli organi. Il suo lavoro è importantissimo e silenzioso, professionale nel coordinamento del percorso che accompagna alla donazione, autenticamente umano nella costante vicinanza alla famiglia del donatore, in un momento in cui si condividono paura, disperazione, smarrimento, ma si decide ugualmente di vincere con la vita il dramma e il dolore”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.