Home Chiesa e Diocesi La Sacra Sindone a Caiazzo. Tra fede e mistero

La Sacra Sindone a Caiazzo. Tra fede e mistero

811
0

Il Vescovo ai fedeli: “Lasciate che il volto di Cristo vi parli”

La Redazione – La parrocchia di San Nicola de’ Figulis ha accolto l’arrivo dell’immagine della Sacra Sindone riprodotta fedelmente dall’originale custodita presso il Duomo di Torino. Fino al 26 maggio sarà possibile visitare la chiesa e pregare davanti all’immagine dell’Uomo della Passione. Alla presenza di numerosi fedeli, ad accogliere il Vescovo Mons.Valentino Di Cerbo che ha presieduto l’Eucarestia, ieri sera c’erano il parroco don Giovanni Fusco, don Antonio Chichierchia, don Pietro Cafaro, don Pierre Lavenir, il Diacono Raffaele Fazzone e il Sindaco Stefano Giaquinto. Di fronte all’immagine che  la tradizione attribuisce a quella di Cristo deposto dalla croce, seppur la scienza non abbia né accertato né negato i fatti, il Vescovo  ha chiesto di pregare, di guardare per lasciarsi parlare: “Gli occhi chiusi di un uomo morto, ben riconoscibili sul lino, – come ha spiegato il Vescovo – parlano in profondità al cuore dell’uomo rivelando non solo morte e dolore, ma soprattutto la gloria di Cristo, Risorto dopo le terribili sofferenze”. Più volte Mons. Di Cerbo è tornato sui pensieri che Papa Francesco ha indirizzato ai fedeli in occasione dell’ostensione straordinaria della Sindone iniziata a Torino il 30 marzo: “Lasciamoci dunque raggiungere da questo sguardo, che non cerca i nostri occhi ma il nostro cuore. Ascoltiamo ciò che vuole dirci, nel silenzio, oltrepassando la stessa morte. Attraverso la sacra Sindone ci giunge la Parola unica ed ultima di Dio: l’Amore fatto uomo, incarnato nella nostra storia; l’Amore misericordioso di Dio che ha preso su di sé tutto il male del mondo per liberarci dal suo dominio. Questo Volto sfigurato assomiglia a tanti volti di uomini e donne feriti da una vita non rispettosa della loro dignità, da guerre e violenze che colpiscono i più deboli…”.
E proprio sulla vicenda dei dolori degli uomini, dei poveri abbandonati, il Vescovo ha soffermato la sua riflessione chiedendo ai presenti una vita di carità e dedizione verso quanti sono feriti nell’animo a causa della solitudine, dell’isolamento, dell’indifferenza: “Passare oltre, rifiutare lo sguardo di un fratello in difficoltà, rimanere sordi e indifferenti al grido di dolore che si alza dal cuore di quanti ci vivono intorno non ci fa essere cristiani, non ci rende discepoli di Cristo, anzi ci allontana tragicamente da Lui…il primo a donare la vita per i bisogni del mondo”.
All’assemblea Mons.Di Cerbo ha rivolto un invito “fuori programma”, non senza scorgere la sorpresa dei fedeli presenti: “Nei prossimi giorni venite in questo luogo, fuori dalle celebrazioni, fuori dai consueti orari di preghiera comunitaria e ponetevi in ascolto. Senza dire parole, guardate, contemplate e lasciate che sia quel volto a parlare a voi”.

Il programma prevede i seguenti momenti di preghiera:

Ore 8.00 –  Lodi
Ore 10.30 – Proiezione di un filmato per gli alunni delle scuole del circondario
Dalle ore 18.30 – S. Rosario
Via Lucis (martedì)
Via Crucis (venerdì)
S. Messa
Vespri.

Lunedì 13 maggio ore 19.00 – S. Messa in onore della Madonna di Fatima.
Giovedì 16 maggio ore 16.30 – S. Messa presso il cimitero di Caiazzo per le mamme defunte.
Domenica 19 maggio ore 10.00 – S. Messa – Festa della Prima Comunione.
Mercoledì 22 maggio ore 19.00 – S. Messa – Festa di S. Rita, benedizione delle rose.
Sabato 25 maggio ore 19.00 – S. Messa in occasione dell’anniversario della nascita di S. Pio. Parteciperanno gruppi di Volontari di Protezione Civile.
La Chiesa resterà aperta tutti i giorni dalle ore 8.00 alle ore 13.00 e dalle 16.00 alle 21.00.

Per informazioni: 338.5298888 – 3395799272
Per prenotazioni visite da parte delle scuole: 3478461889 – 3387970379
Per prenotare la chiesa per la celebrazione eucaristica: 3382217862 – 3395799272
Per prenotazione di visite da parte di gruppi: 338.5298888

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.