Home Chiesa e Diocesi Ailano. Festa patronale nel segno dell'unità religiosa e civile

Ailano. Festa patronale nel segno dell'unità religiosa e civile

1596
0

Il comune matesino in occasione della festa di San Giovanni Evangelista ha accolto una rappresentanza di San Giovanni La Punta, centro della Sicilia che venera lo stesso Patrono

San Giovanni Apostolo ed Evangelista  è, come tutti sanno, il patrono di Ailano e i festeggiamenti in suo onore sono particolarmente sentiti e, perciò, curati con grande passione ed abnegazione dalla commissione, a cui l’ intera comunità devolve offerte tali da poter garantire una festa religiosa e laica, degna del Santo, che rappresenta l’unità e l’identità ailanese. Ogni anno tutti coloro che si trovano altrove per lavoro od altro ritornano e si riuniscono alle loro famiglie, mentre convengono ad Ailano numerosi pellegrini in processione dai paesi viciniori, in particolare Prata Sannita e Capriati al Volturno. Quindi una festa sentitissima e che non vede scemare il legame col santo protettore. Quest’anno la festa è stata arricchita da un altro evento, che ha contribuito ad innalzare il tono della stessa con grande partecipazione di tutti: il rinnovo del gemellaggio tra Ailano e il comune della provincia di Catania: San Giovanni La Punta. Il gemellaggio ere stato formalizzato l’anno scorso, e precisamente il 22 luglio 2012,  in occasione dei solenni festeggiamenti di San Giovanni Apostolo, nella cittadina siciliana tra i due sindaci, alla presenza dei rappresentanti delle due amministrazioni e di un cospicuo numero di cittadini delle due comunità. Tutto era nato per la volontà dei rispettivi parroci dei due centri di ratificare con un gemellaggio la comune e sentitissima fede nel Santo Evangelista. Il gemellaggio, sottoscritto dai rispettivi Sindaci: dott. Andrea Messina e dott. Mario Lanzone, interpreti delle unanimi deliberazioni delle Giunte Comunali, ha avuto come fine la volontà di testimoniare la sensibilità delle rispettive amministrazioni, delle due parrocchie e delle due comunità, del raggiungimento di un più fraterna e civile convivenza, tenendo presente il conseguimento di obiettivi di solidarietà, di pace e di amicizia. E’ stato suggellato l’inizio di un lungo cammino di collaborazione e convivenza, con l’impegno di favorire scambi culturali e iniziative di integrazione economica, sociale e religiosa, di promuovere scambi e collaborazione su ogni aspetto della vita sociale e culturale dei due Comuni, di sostenere lo scambio si esperienze di ogni genere, di organizzare scambi fra le istituzioni scolastiche e le realtà associative delle rispettive comunità per la realizzazione di attività musicali, teatrali, artistiche e sportive, favorire iniziative atte a rappresentare un fattore di unione e di pace fra i giovani.  La rappresentanza di Ailano fu accolta con tutti gli onori ed ospitata con grande generosità e simpatia, per cui fu d’obbligo l’ invito a ricambiare la visita in occasione della festa ailanese del 5 e 6 maggio 2013 con rinnovo del gemellaggio.
Ed appunto il 5 e il 6 maggio si è registrato l’arrivo di una folta rappresentanza della comunità siciliana, con a capo il Sindaco, dott. Andrea Messina e il parroco, don Orazio Greco, con in più autorità civili e militari. I 150 cittadini puntesi, che hanno recato con loro una reliquia del Santo,  sono stati accolti, dopo trepida attesa, con grande affettuosità da tutta la cittadinanza, che è andata incontro al corteo, formatosi all’entrata del paese il 5 maggio, banda in testa e con tutte le autorità. Il corteo, dopo aver reso omaggio al monumento ai Caduti, con deposizione di una corona di alloro, si è spostato in piazza Regina Margherita, dove è stato riformulato il gemellaggio e sono stati tenuti i discorsi da entrambi i Sindaci. Si è proseguito con una messa che ha fatto registrare una affollata presenza di fedeli. In seguito la comunità di San Giovanni La Punta è stata accolta nell’Auditorium dove a cura del Consiglio Parrocchiale ha potuto gustare le specialità ailanesi, che tutti i cittadini hanno voluto offrire e che sono state accolte con grande compiacimento. Il 6 maggio i cittadini puntesi hanno partecipato alla messa pontificale officiata da sua Eccellenza Valentino Di Cerbo, vescovo della nostra Diocesi, e concelebrata da don Orazio Greco, parroco di San Giovanni La Punta. La celebrazione ha registrato momenti di alta solennità e tutti hanno partecipato con grande commozione.  Alla processione, che è seguita, accompagnata dalle due bande musicali, ha partecipato un numero elevatissimo di cittadini, di pellegrini, oltre che degli ospiti siciliani, il cui Sindaco, con il collega ailanese, ha voluto portare a spalle il simulacro del Santo. Dopo la processione i pellegrini siciliani sono stati invitati dall’Amministrazione Comunale a pranzo, a cura dell’I.P.P.S.S.A.R.T.  di Vairano Scalo, che si è prodigato in portate molto apprezzate dai convenuti.
La rappresentanza di San Giovanni La Punta, colpita dall’accoglienza e commossa per la simpatia e la benevolenza dimostrata nei suoi confronti, prima di ripartire ha rivolto un nuovo invito a voler essere presenti nella loro cittadina alla festività del Santo, che si terranno il 21 luglio prossimo.

Antonio Ferraro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.