Home Attualità Progetto Aurora. Parte a Piedimonte il centro che combatte la violenza sulle...

Progetto Aurora. Parte a Piedimonte il centro che combatte la violenza sulle donne

1503
0

Da ottobre la struttura potrà ospitare fino a tre nuclei familiari. Iniziative come poche in tutta la provincia di Caserta

La Redazione – Un vero e proprio traguardo per il territorio matesino il lancio del progetto Aurora presentato in conferenza stampa presso la Casa comunale di Piedimonte Matese. Un centro per l’assistenza alle  donne vittime di violenza e per i  figli minorenni nascerà nel capoluogo matesino in un ambiente attiguo a Palazzo ducale, ristrutturato secondo le esigenze del caso. A promuovere il progetto la onlus Spazio Donna attiva a Caserta dal 1990 per la difesa e la tutela delle donne vittime di violenza con l’iniziativa telefono Rosa (0823 354126) e Nidorosa  e l’Amministrazione comunale di Piedimonte che nella persona del vicesindaco Costantino Leuci ha trovato un attento promotore e sostenitore dell’iniziativa.

La conferenza stampa
La conferenza stampa

Un lungo iter burocratico generato anche dalla diffidenza nei confronti di una iniziativa “meridionale”, che sulle spalle porta il peso di dover essere realizzata in provincia di Caserta – terra di contraddizioni ma di necessarie strutture sì fatte – ha poi ottenuto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dipartimento Pari Opportunità) le autorizzazioni necessarie e il finanziamento dovuto.

A presentare l’iniziativa il sindaco della città Vincenzo Cappello e con lui lo stesso Leuci. Sono 360mila i fondi destinati ai primi due anni di progetto; a questa cifra si aggiungono altri 40mila a carico dell’Amministrazione attinti  al salvadanaio creato dalla rinuncia alle indennità di carica. L’episodio di violenza sessuale consumatosi nei pressi del convento di Santa Maria Occorrevole  poche settimane fa ai danni di una giovane donna è solo il dato “noto” alle cronache locali e nazionali, mentre numerosi altri casi rimangono taciuti dall’indifferenza e dall’omertà che spesso distingue ambienti e piccoli centri come quelli di provincia. “Sono diversi i contatti che dal territorio altocasertano giungono al telefono Rosa di Spazio Donna” ha spiegato Tiziana Carnevale, sociologa e membro dell’Associazione presente in conferenza stampa con un nutrito gruppo di volontarie dell’Associazione e la presidente Vanda Covre. Da qui la necessità di istituire un presidio, un segno sul territorio che esprima vicinanza e assistenza.

La dottoressa Tiziana Carnevale
La dottoressa Tiziana Carnevale

Il Centro Antiviolenza Aurora nasce in un edificio che la storia cittadina associa inevitabilmente ad Aurora Sanseverino, l’emblema della donna che nel XVIII secolo conferì a Piedimonte l’immagine di una viva e concreta rinascita culturale, ma in particolare “aurora” sta ad indicare la nascita di ogni nuovo giorno e quindi l’occasione per numerose donne di rinascere con dignità e ritrovare se stesse.
Il progetto mira alla creazione di uno spazio di ascolto e accoglienza, di recupero e di reinserimento nella società con opportuna formazione necessaria anche all’orientamento verso il mondo del lavoro. Dall’8 luglio partirà la formazione per le 5 operatrici già individuate che garantiranno il funzionamento della struttura, intanto il sindaco Cappello ha parlato di una possibile apertura del centro già dal prossimo ottobre.
“E’ fondamentale che la gente del territorio si apra a simili iniziative e prenda coraggiosamente contatto con la proposta del progetto Aurora – ha dichiarato la presidente di Spazio Donna, Vanda Covre. Avere in zona una struttura di accoglienza e del personale qualificato al suo funzionamento è un’occasione di crescita per questa terra. Seppur il vero successo sarà quello di sapere che un giorno il mondo non avrà più bisogno di strutture che combattono la violenza sulle donne…”. 

INFO
Spazio Donna fa sapere che il corso di formazione dedicato alle operatrici della struttura è aperto anche a coloro che a titolo personale volessero intraprendere un percorso formativo sui temi affrontati, anche in vista di azioni di volontariato presso la struttura.
I corsi si terranno presso la Biblioteca comunale il lunedì e il mercoledì pomeriggio nei mesi di luglio e settembre.
il primo incontro è fissato per l’8 luglio secondo il seguente programma:
Introduzione corso e presentazione Spazio Donna. Vanda Covre, ostetrica, presidente Associazione; Tiziana Carnevale, sociologa, membro del consiglio direttivo; Ilaria Boccagna, psicologa, psicoterapeuta, coordinatrice Centro Antiviolenza Aurora.

Il Telefono Rosa per le donne in difficoltà è attivo h24: 0823 354126

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.