Home Curiosità Piedimonte Matese. "Case dell'acqua" candidate a finanziamento

Piedimonte Matese. "Case dell'acqua" candidate a finanziamento

971
0

Il progetto si chiama “Questione di gesti…sostenibili”, per una riduzione dei rifiuti in plastica

Nell’ambito del programma di tutela dell’ambiente e di miglioramento della raccolta differenziata, l’amministrazione comunale di Piedimonte Matese ha candidato a finanziamento un progetto che punta alla riduzione dei rifiuti in plastica, cogliendo l’opportunità dei fondi regionali assegnati dalla Provincia di Caserta per l’attuazione di interventi strategici in materia di prevenzione e riduzione dei rifiuti.Casa dell'acqua
Il progetto si chiama “Questione di gesti…sostenibili”, e prevede l’istallazione di due “case dell’acqua” per la distribuzione di acqua potabile, complete di frantumatore compatto di bottiglie di plastica (per ridurre il volume delle bottiglie conferite del 90%) e di Eco infopoint, monitor multimediali presenti su ciascuna casa dell’acqua quale strumento di comunicazione con i cittadini. L’importo previsto per la sua realizzazione è di 58mila euro. Obiettivo dell’iniziativa, seguita da vicino dal sindaco Vincenzo Cappello e dal vicesindaco e assessore delegato all’Ambiente e alla Raccolta differenziata Costantino Leuci, quello di sensibilizzare i cittadini alla tutela dell’ambiente riducendo la produzione di materiali plastici a rifiuto e quindi il volume della frazione plastica riciclata. Tra i benefici anche un allungamento della vita d’uso di recipienti in vetro e l’abbattimento dei consumi e dei costi delle acque imbottigliate. Il tutto a vantaggio di un miglioramento quantitativo e qualitativo della raccolta differenziata.Il cittadino è al centro di questo progetto, che poggia sul coinvolgimento della comunità, i particolare dei giovani in età scolare, e sulla collaborazione delle realtà associative del territorio in un percorso comunicativo e informativo teso a diffondere la consapevolezza delle corrette abitudini nel riciclo dei rifiuti. Le associazioni coinvolte sono Gupanà, il Club Alpino Italiano, Legambiente e Noumenon. Prevista anche un’attività di monitoraggio e valutazione dei risultati ottenuti.
Iniziativa analoga è quella avviata dall’amministrazione comunale nel servizio di mensa scolastica, dove è stata introdotta la fornitura di acqua potabile microfiltrata e refrigerata da appositi erogatori, in sostituzione di quella imbottigliata, per ridurre la produzione di rifiuti in plastica ed educare i giovani alunni all’uso di acqua di provenienza domestica.

Comunicato stampa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.