Home Arte e Cultura Quella preghiera che tutti abbiamo pronunciato nella vita

Quella preghiera che tutti abbiamo pronunciato nella vita

695
0

Feste patronali, occasione per riscoprirsi figli di Dio

Un momento della recente festa della Madonna del Castello a Formicola
Un momento della recente festa della Madonna del Castello a Formicola

Ogni festa patronale diviene occasione per una preghiera particolare, quella preghiera personale che sancisce il legame unico e assoluto di ciascun fedele con il santo di cui venera una reliquia o un’immagine sacra, o con la Vergine Maria. Ciò che il cuore suggerisce è l’appello forte, il grido di supplica, un grazie sincero, un bisogno che emerge dall’abisso dell’esistenza di ciascuno. Oltre le processioni, oltre le luminarie, oltre la festa sperata che allieta e quasi rigenera, vi è la preghiera “segreta”, personale di uomini e donne che sancisce e lega indissolubilmente al divino, di fronte al quale l’uomo si riconosce piccolo e riscopre la misericordia del Creatore.

Preghiera a Maria Santissima del Castello 
O Madonna del Castello,

il tuo volto pudico e delicato
illumini le nostre anime,
intorpidite da una materia greve
che si ostina ad affossarle,
fa’ che esse riprendano a volare
nell’etere speranzoso.
Il tuo manto scintilloso
cinga con l’amore che solo tu sai infondere
le nostre membra,
spesso mosse da istinti malvagi
noncuranti degli altrui bisogni,
fa’ che esse imparino di nuovo a frenarsi
dinanzi al debole.
Il tuo sguardo, dolcissimo sguardo,
ispiri le nostre menti tracotanti
talvolta dominate da pensieri perversi,
fa’ che possano riscoprire la bellezza dell’umiltà.
A te rivolgo questa preghiera,
perché lo spirito di festa, la tua festa,
sia sentore d’umanità e ottimismo
per le nostre vite.

Giovanna Corsale – Formicola

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.