Home Chiesa e Diocesi Piedimonte. Fiaccolata da Monte Muto in città

Piedimonte. Fiaccolata da Monte Muto in città

640
0

Recuperata e restaurata l’antica statua della Madonna della Libera. Il 7 settembre una processione porterà l’effige dal santuario di Santa Maria Occorrevole alla chiesa di San Filippo Neri. Presto la ricostituzione della storica Confraternita della Libera

Dopo aver aspettato con trepidazione e poi vissuto con devozione il rientro dal restauro del simulacro dell’Immacolata, questa Comunità si prepara a vivere un nuovo rientro, un rientro forse più in sordina del precedente, ma ugualmente emozionante. Sta per essere restituita infatti anche la statua rappresentante Santa Maria della Libera: non stiamo parlando della bella statua settecentesca rivestita di abiti preziosi, cui finora si è indirizzata la devozione popolare, bensì di una piccola e finora misconosciuta scultura, recentemente recuperata dall’oblio del tempo e resa oggetto di un profondo intervento di restauro.
Per solennizzare il ritorno di questa effigie e per valorizzare al meglio la tradizionale festa rionale della Madonna della Libera, che cade in concomitanza con la festa liturgica della Natività di Maria, l’8 settembre, il Parroco di Ave Gratia Plena Don Emilio Salvatore e la Comunità hanno organizzato una serie di eventi  che culmineranno in una tre giorni di riflessione spirituale, in vista della prossima ripresa delle attività parrocchiali.
fiaccolata_monte mutoSi partirà il prossimo 25 agosto con il consueto trasporto dell’immagine settecentesca della Vergine da “Ave Gratia Plena” alla Chiesa di San Filippo Neri (ultima sede di un’antica Confraternita dedicata appunto a S.Maria della Libera). Qui, dal 30 agosto si terrà il novenario, centrato sul tema “Rifondare la Comunità parrocchiale”. Dal 5 settembre invece, nella speciale cornice del Santuario francescano di Santa Maria Occorrevole sul Monte Muto, alla presenza dell’antica statua restaurata, si avranno una serie di incontri spirituali per le varie realtà parrocchiali, cui seguirà la Santa Messa, celebrata da a turno da Don Salvatore Zappulo (Parroco di Sepicciano), Padre Antonio Ridolfi (Guardiano del Convento di S.Maria Occorrevole) ed infine Don Emilio Salvatore. Al termine della Messa del 7 settembre, l’immagine restaurata lascerà Monte Muto e con una fiaccolata riscenderà a valle per raggiungere la Chiesa di San Filippo Neri, da cui l’indomani partirà la processione che accompagnerà l’antica statua lungo le vie principali del Rione “Vallata” e che terminerà con la Messa presieduta da Don Cesare Tescione, Parroco di S.Maria Maggiore. Gli eventi saranno accompagnati anche da un piccolo programma di festeggiamenti civili. Dunque ci sono tutti gli ingredienti per automotivarsi alla partecipazione a questo nuovo evento mariano, che non coinvolge solo la Comunità di “Vallata” bensì tutta Piedimonte. Un evento che suscita forte entusiasmo. Lo stesso entusiasmo su cui si sta prospettando all’orizzonte una sempre più concreta ricostituzione della storica Confraternita della Libera. Ma questa è un’altra notizia…di cui però vi informeremo a tempo debito.

 Alfonso Feola

 

Per leggere il programma clicca sulle immagini sottostanti
depliant fronte

depliant

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.