Home Arte e Cultura Matese e dintorni. Una terra che sogna

Matese e dintorni. Una terra che sogna

869
0

A Piedimonte, dal 13 al 15 settembre poeti, scrittori e letterati da tutta Italia si racconteranno sul tema “Passaggi di umanità”

E’ ambizioso il progetto che muove il Festival dell’Erranza: fare di questo evento il crocevia di esperienze di respiro nazionale, con un volo obiettivo in comune: il viaggio nelle sue migliori e più suggestive declinazioni. Alla base dell’evento c’è un’idea che ha preso lentamente forma grazie alla condivisione di emozioni e racconti, e progetti futuri, germinati nella mente degli organizzatori. Parliamo di Salvatore Capasso, amministratore delegato della Banca Capasso Antonio Spa e di Roberto Perrotti, psicologo e scrittore. Entrambi amici da anni, decidono di mettersi insieme per un’idea che “muova” il territorio. Antonio Capasso racconta così la prima idea sul Festival dell’Erranza: “Un giorno ho incontrato Roberto in banca e tra le cose dette e raccontate, viaggi fatti e progetti da realizzare, è venuta fuori un’idea comune: organizzare un festival dedicato al viaggio e ai viaggiatori. Un festival che appassioni la nostra terra, che promuova la cultura del viaggio, che renda partecipi i giovani e che possa diventare un saldo punto di riferimento anche per le istituzioni locali. L’intenzione è di coinvolgere nel futuro più paesi con un modello di festival diffuso sul territorio. Far diventare il Festival dell’Erranza un evento annuale di respiro internazionale.Realizzare una scuola e una biblioteca del viaggio, dove sia possibile imparare a raccontare, fotografare, filmare, dipingere, con occhi diversi. Il contenitore sarà il Centro Studi e l’Auditorium che la Banca sta progettando nella sede di Alife, città bimillenaria sulla Via Francigena del Sud. Quasi un destino”. Non è la prima volta che la Banca Capasso guarda con occhio così attento al territorio. Ricordiamo tra gli ultimi eventi, le borse di studio messe a disposizione in occasione del centenario della Società.
logo festLa proposta, le ipotesi di Salvatore Capasso trovano in Roberto Perrotti le traduzioni concrete di un progetto che ormai è una certezza: “I motivi che hanno ispirato la nascita del Festival dell’Erranza – spiega Perrotti – sono simili a quelli che inducono un viandante a porsi in cammino. All’inizio la sua mente è affollata di emozioni contrastanti, ma dopo i primi passi, quando l’incedere avrà trovato il suo ritmo, le idee si saranno disposte in modo nuovo” . Questo cammino oggi si chiama “Passaggi di umanità”, filo conduttore della prima edizione della rassegna culturale in programma dal 13 al 15 settembre nel borgo antico di Piedimonte.
A garantire il lancio di questa che si configura come la prima di una serie di kermesse, la disponibilità dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Vincenzo Cappello.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.