Home Scuola Alife. Famiglie ancora in attesa del servizio di mensa scolastica

Alife. Famiglie ancora in attesa del servizio di mensa scolastica

650
0

La Minoranza insorge e parla della possibilità di un terzo bando di gara per l’affidamento del servizio mensa

La Redazione – E’ parsa una zavorra fin da subito la vicenda “mensa scolastica” sulle spalle dell’Amministrazione comunale di Alife. Due bandi di gara fino ad ottobre (il primo è stato annullato a causa di “disguidi tecnici”) ed oggi ancora nessun “pasto caldo” per insegnanti, alunni e studenti, diversamente da come si leggeva lo scorso 25 ottobre sul sito del sindaco Giuseppe Avecone (www.giuseppeavecone.it), dove la notizia era la seguente: “gli alunni frequentanti i plessi scolastici cittadini dovrebbero avere un pasto caldo agli inizi del mese prossimo, quando saranno terminate le procedure amministrative indette in questo secondo bando di gara, che prevedeva proprio per quest’oggi, venerdì 25 ottobre 2013, il termine ultime per presentare le offerte. Quattro le ditte che hanno risposto all’appello, presentando ognuna le rispettive proposte”.
comune_alifeFondamentale quel verbo “dovrebbe”, quasi ad anticipare – o prevedere – quello che sarebbe potuto accadere. Il tempo pieno in realtà è partito, tant’è che già il 25 settembre la Dirigente Scolastica dell’Istituto comprensivo, Anna Maria  Pascale, chiedeva alle famiglie di scegliere per i loro figli le seguenti possibilità per l’ora di pranzo: mensa scolastica, pranzo a sacco, pranzo a casa con rientro a scuola. Una comunicazione rettificata dalla stessa Dirigente dopo qualche giorno, quando si appurò che la mensa non sarebbe partita. Così dal 27 settembre presso le scuole di Alife centro e dei plessi scolastici si mangia il panino, o si va a casa dove il “pasto caldo” è garantito.
Sulla questione inizia ad accendersi l’animo dei genitori e di conseguenza anche quello politico per conto del consigliere di minoranza Daniele Cirioli: “La mensa partirà dopo Natale. A quanto mi è dato di sapere come consigliere comunale di Minoranza, il bando di gara che si è concluso il 27 novembre presenterebbe più di un problema e questo spiega perchè non c’è stato l’affidamento dell’incarico alla ditta risultata vincitrice (la Matesina, ndr)”.
Le indiscrezioni che trapelano dalla Casa comunale non rassicurerebbero le famiglie alifane; Cirioli riferisce infatti: “Mi è stata paventata l’ipotesi della necessità di dover rifare la gara, il che vorrebbe dire arrivare all’anno prossimo inoltrato….”.
Un disservizio che sicuramente non edifica la comunità, non tranquillizza la cittadinanza e non rende onore alle scuole cittadine cui insegnanti e collaboratori dedicano il loro tempo migliore, a maggior ragione se la risposta delle famiglie di fronte a tali disagi consiste nel trasferimento dei propri figli presso altre strutture del territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.