Home Territorio Piedimonte Matese. Con Legambiente “Puliamo il mondo”, insieme si può

Piedimonte Matese. Con Legambiente “Puliamo il mondo”, insieme si può

734
0

Molto positivo l’esito della manifestazione di sabato 27 e domenica 28 organizzata dai volontari di Legambiente, grazie soprattutto all’attiva partecipazione dei giovani

puliamo il mondo1
foto del gruppo facebook “Bocca della Selva Anno Zero”

La Redazione – Sono più di 600mila le persone, 1700 i comuni e 4000 le località che hanno partecipato a Puliamo il mondo, iniziativa di Legambiente svoltasi lo scorso fine settimana a Piedimonte Matese.
Tante le attività di recupero dell’ambiente che hanno coinvolto gli alunni di alcuni istituti scolastici del posto: circa 130 ragazzi, i quali si sono impegnati in opere di pulizia e riqualificazione ambientale.
Sabato 27 in Piazza Pioppetelli gli alunni della Seconda A del Liceo Classico “Galilei” e in Piazza Caruso gli alunni delle classi Prima B-E-G della Scuola Sec. 1° “Vitale” e la classe quinta C del 2° Circolo Didattico. I ragazzi sono stati accompagnati dal prof. Costantino Leuci ed hanno potuto unire alla cura dell’ambiente la passione per lo sport, prendendo parte a diverse gare sportive in un clima di sano divertimento, grazie anche al sostegno di alcune associazioni del territorio (ASD Polisportiva Matese, Karate Tai Chi Daewong, ASD All Greens Basket Company, Coop. Sociale “Colorando la vita”, Ass. “Amici del catuozzo”).
Le diverse attività sono state patrocinate dal Parco Regionale del Matese e dalla Comunità Montana del Matese, col prezioso contributo di alcune imprese locali, del Nucleo di Protezione Civile di Piedimonte, delle Guardie Ambientali Volontarie e dei BAIF della Comunità Montana del Matese. Per suggellare la straordinaria impresa, i ragazzi insieme ai loro insegnanti si sono ritrovati in Piazza Roma per l’evento del GAL Eccellenze Alto Casertano: il cibo è cultura, lodati anche dal Sindaco Cappello e dall’Assessore Nugnes.
Domenica 28 le attività si sono concentrate a Bocca della Selva, dove, con l’aiuto di Protezione Civile, Guardie Ambientali e Sci Club Fondo Matese, si è proceduto alla rimozione dei rifiuti sparsi, che per molto tempo hanno deturpato l’immagine del paesaggio boschivo. L’attenzione riservata al territorio matesino è la prova della perfetta riuscita del lavoro portato avanti per venti anni da Legambiente, come ha sottolineato Umberto De Nicola, Presidente del Parco Regionale del Matese.
Al termine della manifestazione i partecipanti si sono stretti intorno al ricordo dei due fratellini morti nella riserva di Macalube di Agrigento, gestita proprio da Legambiente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.