Home Territorio Centrale a biomasse ad Alife. Smentite le dichiarazioni di Avecone, la replica...

Centrale a biomasse ad Alife. Smentite le dichiarazioni di Avecone, la replica di Cappello e Energycompost

751
0

A gennaio 2014 il comune di Alife acquisiva il progetto. Tuttavia resta legata alla volontà dell’ente l’autorizzazione della presunta Centrale

La Redazione – La Energycompost Group smentisce a chiare lettere le dichiarazioni del sindaco di Alife Giuseppe Avecone che ieri affermava di non aver mai ricevuto informazioni “in forma ufficiosa e ufficiale” in merito all’ipotetica centrale a biomassa da realizzarsi nella zona industriale del suo comune.
All’indomani dell’articolo pubblicato ieri mattina, non si è fatta attendere la replica dei diretti interessati dalla vicenda: Piero Cappello, già presidente del Consorzio Asi Caserta (Area sviluppo industriale) e Energycompost Group, che nel gennaio 2014 informava il sindaco di Alife di un progetto di  “Impianto a ciclo integrato per produzione di energia elettrica da biomassa (materiale umido e ligneocellulosico) e valorizzazione dello scarto per la produzione di compost (ammendante biologico)”.
centrale-a-biomasse_alifeLa precisazione di Piero Cappello chiarisce che “l’Asi per legge, è tenuto a verificare se (per i progetti in questione, ndr) trattasi di attività produttive e se sono rispettate le norme urbanistiche. Per questo tipo di impianti l’autorizzazione unica (AIA) è rilasciata dalla Regione Campania a seguito dei pareri ambientali, sanitari, paesaggistici, ecc. acquisiti mediante conferenza dei servizi. Anche in questa sede l’ASI esprime parere solo in materia urbanistica, essendo altri gli Enti preposti agli altri pareri”.
Il progetto presentato quasi un anno fa dalla Energycompost Group – così come la stessa riferisce in un breve comunicato – dettagliava al sindaco di Alife i requisiti dell’impianto prospettando sul territorio la realizzazione di un centro di ricerca e insieme di smaltimento rifiuti per numerosi comuni dell’area matesina. In merito ai temi energetici trattati la stessa azienda ha organizzato un seminario scientifico-formativo per gli studenti degli Istituti superiori di Piedimonte Matese con il patrocinio, tra gli altri, del Parco Regionale del Matese e della Comunità Montana del Matese.
Dietro le polemiche che si sono sollevate da tempo e la posizione ufficiale della minoranza consiliare di Alife che chiede al Sindaco Avecone risposte concrete circa la possibilità di una centrale energetica nel territorio di Alife, resta la certezza che il progetto della Energycompost ad oggi è in attesa delle autorizzazioni necessarie (e che dipendono anche dal comune di Alife) ma soprattutto del momento giusto per un investimento di notevole portata come quello previsto: 18 milioni di euro.
Mezze verità, dichiarazioni che si susseguono, progetti da realizzare, il dubbio che ciò che si racconta non sia vero, la cronaca appare disorientante. Ma chi paga ancora una volta sono i cittadini.
Ma in pieno Parco Regionale del Matese, oltre a edificare un centro di ricerca, è possibile una centrale per smaltire rifiuti?

 Leggi il comunicato della Energycompost. CLICCA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.