Home Territorio Sciopero. Lunedì 2 marzo l’azienda di trasporto CLP incrocia le braccia

Sciopero. Lunedì 2 marzo l’azienda di trasporto CLP incrocia le braccia

422
0

La Clp non garantisce ai lavoratori norme igieniche nè sicurezza. Anche l’applicazione del Ccnl appare poco chiara

La Redazione – La sigla sindacale Faisa Cisal ha invitato i lavoratori ad 8 ore di sciopero: tra i disagi dei lavoratori soprattutto il mancato rispetto della Clp del Contratto collettivo nazionale di lavoro e l’omissione di norme che tutelerebbero la sicurezza e l’igiene sul posto di lavoro a vantaggio dei dipendenti.
I disagi di lunedì – nelle ore centrali della giornata –clp_bus_sciopero_clarusonoline potrebbero intaccare anche la regolarità dei trasporti da e verso l’Alto Casertano.
“La Faisa Cisal Conferma lo Sciopero di 8 ore di Lunedì 02 Marzo 2015 dalle 09:00 alle 17:00, per evidenziare alla Regione Campania e a tutte le Istituzioni che oltre ai problemi con l’Antimafia, la Clp, che gestisce i servizi Ex Acms, non rispetta il CCNL, gli Accordi Nazionali, gli Accordi Regionali e la normativa vigente in materia sicurezza e igiene sul posto di lavoro, in materia di emissione dei titoli di viaggio, di composizione dei turni di servizio, e ad oggi non ha provveduto all’assunzione di tutti i lavoratori Ex Acms. Nostra convinzione, rispetto ad un atteggiamento della società non più tollerabile, potenzialmente dannoso per tutti i lavoratori e unica strada percorribile, porre in campo comportamenti capaci di produrre come proposito la Revoca delle Concessioni da parte dell’ente committente ‘’Regione Campania’’ che con ogni mezzo ha sostenuto la società C.L.P. rendendosi partecipe di azioni moralmente discutibili”. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.