Home Territorio Alife. Giuseppe Macchiarelli, il 15 marzo 1995 la tragedia presso la Conservatoria...

Alife. Giuseppe Macchiarelli, il 15 marzo 1995 la tragedia presso la Conservatoria di Santa Maria Capua Vetere

1864
0

Ricorre domani l’anniversario della tragica scomparsa di Giuseppe Macchiarelli, di Alife, noto a tutti come l’amico Geppino

La Redazione – Era il 15 marzo 1995, quando a Santa Maria Capua Vetere si consumava una delle tragedie più efferate del nostro territorio, passata alla storia come la “Mattanza della Consevatoria dei registri immobiliari di Santa Maria Capua Vetere”.
Giuseppe Macchiarelli 1Un responsabile delle guardie carcerarie (già affetto da comprovati disturbi psichiatrici come si scoprirà in seguito durante il processo), impugnando l’arma di servizio, tolse la vita a 7 persone, ferendone altre 2, tra cui tre impiegati dello Stato nell’esercizio delle loro funzioni presso la Conservatoria dei Registri Immobiliari di S.Maria C.V. Tra i martiri del lavoro cadde anche il funzionario Giuseppe Macchiarelli.
“Uomo solare, allegro, laborioso, con grande senso di responsabilità; ligio al dovere, amico di tutti, attento marito e padre di famiglia”. Così lo ricordano i familiari e gli amici. Geppino, quella mattina lasciava una giovanissima moglie e due figli di 2 e quattro anni; ma lasciava anche una serie di impegni sociali in cui si distingueva la sua mano e serietà. Attraverso un profondo cammino di fede, aveva formato gruppi di preghiera e cenacoli di approfondimento della devozione mariana. Fu presidente dell’Associazione Solidarietà, una delle prime associazioni di volontariato presenti sul territorio; fu promotore di iniziative culturali e di azioni di salvaguardia dell’ambiente e tutela del disagio giovanile.
Giuseppe Macchiarelli 2Appassionato della vita, dello sport – grande tifoso del Napoli – e della musica (nota a tutti la sua passione per Pino Daniele). A venti anni dalla sua scomparsa, Giuseppe Macchiarelli, Giovanni Fusco e Anna Lombardi ( i colleghi di lavoro che morirono con lui) sono stati ricordati con una cerimonia presso la Conservartoria su iniziativa del Movimento e Centro per la Vita S. Gianna Beretta Molla e del Festival della Vita  2015 “Vivere è condividere: Solidali per la Vita”. Sul luogo del dolore è stata deposta una targa in ricordo di quel giorno, ma in particolare del lavoro diligente profuso per lo Stato.
Resta ancora il dolore di quel giorno, ma soprattutto l’incredulità per i giorni e gli anni che sono seguiti nel quasi totale silenzio – e forse inadempienza – delle Istituzioni: una mano, armata dallo Stato, di cui si accertava l’infermità mentale, si macchiava di un efferato delitto e velava per sempre la vita di numerose famiglie e soprattutto di bambini cresciuti senza un genitore.
Giuseppe Macchiarelli. Conservatoria Santa Maria Capua VetereDomenica 15 marzo, nel giorno del ventennale della scomparsa di Giuseppe, alle 10.00 sarà celebrata una messa in suffragio presso la Cappella dell’Ospedale civile di Piedimonte Matese. Alle 18.30, presso la Sala consiliare del comune di Alife, l’Amministrazione comunale ricorderà la sua attività sociale (intanto una delibera di Giunta ha approvato l’intitolazione di uno spazio pubblico proprio al nome di Macchiarelli). In serata un altro ricordo di Giuseppe, questa volta in apertura della rassegna teatrale Teatro ‘Amatore presso l’auditorium dell’Istituto Professionale di Alife, alle ore 20.00

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.