Home Attualità 19 marzo. In nome della legalità, la Fondazione Polis ricorda il Maresciallo...

19 marzo. In nome della legalità, la Fondazione Polis ricorda il Maresciallo Ciaburro di Sant’Angelo d’Alife

935
0

Il suo nome sarà ricordato oggi, insieme a quello di altri 335 innocenti uccisi dalla camorra

La Redazione – Il 19 marzo è ormai una data che mobilita le coscienze: la nostra Regione vive con particolare attenzione e con crescente sensibilità questo momento dedicato alla legalità, al ricordo delle vittime di mafia, ma soprattutto affida – attraverso le scuole e le istituzioni locali – l’importante compito di educare o rieducare al senso civico, al rispetto delle regole e dell’altro.
Ricorre in questa giornata il XXI anniversario della morte di Don Peppe Diana e la nostra Campania si ferma a riflettere. Si susseguono manifestazioni e commemorazioni, come quella organizzata dalla  Fondazione Polis della Regione Campania, da Libera e dal Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità. Si tratta di #NONINVANO, il progetto di sensibilizzazione sul tema delle vittime innocenti della criminalità. Tra esse, anche un nostro conterranea, il Maresciallo Luigi Michele Ciaburro morto in un attentato camorristico il 9 settembre 1975 durante il suo servizio a Villa Literno.
carabinieri_clarus_ciaburroBen 106 fotografie dei 335 innocenti uccisi dalla criminalità in Campania saranno esposte da oggi a Napoli per affermare che quelle persone non sono morte invano e che il loro ideale di giustizia è ancora vivo nel cuore dei familiari e delle persone che li hanno conosciuti, e che ancora se ne fanno portavoce. Le immagini sono affisse all’esterno delle facciate del Palazzo della Regione Campania, in via Santa Lucia, via Raffaele De Cesare, via Generale Orsini e via Marino Turchi e all’esterno della facciata di Palazzo Reale in piazza del Plebiscito.
Il progetto si propone l’obiettivo di sensibilizzare le istituzioni e la cittadinanza sul delicato tema delle vittime innocenti della criminalità,  inaugurato alla presenza del fondatore di Libera don Luigi Ciotti, del presidente della Fondazione Polis Paolo Siani, del referente regionale di Libera Fabio Giuliani, del presidente del Coordinamento campano dei familiari delle vittime innocenti della criminalità Alfredo Avella e del presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Polis Geppino Fiorenza.

In questa occasione ci piace ricordare il Maresicallo Ciaburro, di Sant’Angelo d’Alife, uomo appassionato di giustizia e di legalità. Anche lui ha pagato il caro prezzo di essere un uomo per bene. A lui, va il nostro grazie per il coraggio che ancora oggi parla e ci dice che spendersi per amore del prossimo ha sempre un valore.
Clicca sull’immagine in basso per leggere la sua storia straordinaria pubblicata sul nostro mensile di Maggio 2014 in occasione del bicentenario dell’arma dei Carabinieri.
Maresciallo_Ciaburro

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here