Home Territorio Piedimonte Matese / Castello del Matese. Protocollo d’intesa per condividere il canile

Piedimonte Matese / Castello del Matese. Protocollo d’intesa per condividere il canile

1306
1

Il progetto del canile comunale, partito nel 2011, diventa una realtà sempre più solida

Il comune di Castello del Matese  contribuirà all’ampliamento e all’adeguamento dell’esistente rifugio temporaneo per cani che nella periferia di Piedimonte Matese, in via Baden-Powell, dà accoglienza a tanti randagi.
cani randagi_piedimonte matese-canileLo schema del protocollo d’intesa che i due Comuni dovranno sottoscrivere è stato approvato dal Consiglio Comunale di Piedimonte riunitosi qualche giorno fa, un accordo che prevede la compartecipazione di 80mila euro da parte di Castello, somma già finanziata dal Ministero della Salute che si andrà ad aggiungere ai circa 360mila euro del progetto predisposto dal Comune di Piedimonte Matese (finanziamento regionale di 180.643,20 euro integrato con fondi comunali per altri 180mila).
Il Comune di Castello si garantisce così una proprietà del 12% della struttura garantendo per i “suoi” randagi un luogo dove possano essere custoditi e curati.
Approvato nel 2011 dall’Amministrazione Comunale guidata da Vincenzo Cappello, il progetto punta a dotare la città di un luogo fondamentale per la cura dei cani randagi che vagabondano per le strade, ma che sia anche un punto di riferimento per chi già possiede un amico a quattro zampe. L’ambulatorio veterinario ospitato nella struttura darà senza dubbio un contributo importante a tutti i volontari animalisti e soprattutto agli stessi cani, che se in difficoltà potranno essere curati.

1 COMMENTO

  1. Per venire incontroi alle esigenze dei nostri amici , onde evitarne l’eccessivo proliferare ,il canile dovrebbe ospitarli temporaneamente ,provvedere alla sterilizzazione e poi reimmetterli sul territorio come cani di quartiere, oppure tenerli ,in attesa di adozioni da promuoversi da parte dei volontari.Per fare ciò è importante stipulare una convenzione tra l’ASL e l’Ente locale al fine di eliminare il randagismo e dare un’ospitalià degna dell’affetto di cui sono capaci i nostri amici tramite le adozioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.