Home Un verso un pensiero Giovanni Pascoli. Gesù

Giovanni Pascoli. Gesù

1544
0

E Gesù rivedeva, oltre il Giordano,
campagne sotto il mietitor rimorte,
il suo giorno non molto era lontano.
E stettero le donne in sulle porte
delle case, dicendo: Ave, Profeta!
Egli pensava al giorno di sua morte.
Egli si assise, all’ombra d’una mèta
di grano, e disse: Se non è chi celi
sotterra il seme, non sarà chi mieta.
Egli parlava di granai ne’ Cieli:
e voi, fanciulli, intorno lui correste
con nelle teste brune aridi steli.
Egli stringeva al seno quelle teste
brune; e Cefa parlò: Se costì siedi,
temo per l’inconsutile tua veste;
Egli abbracciava i suoi piccoli eredi:
-Il figlio – Giuda bisbigliò veloce-
d’un ladro, o Rabbi, t’è costì tra ‘piedi:
Barabba ha nome il padre suo, che in croce
morirà.- Ma il Profeta, alzando gli occhi
-No-, mormorò con l’ombra nella voce,
e prese il bimbo sopra i suoi ginocchi.

Gesù volge lo sguardo oltre il Giordano,
il fiume nel quale era stato battezzato,
planando sulle campagne e sugli umili granai.
Meditando su ciò che vede, Gesù parla ai bambini
che gli sono intorno di altri granai,
quelli celesti, che non richiedono lavoro alcuno all’uomo,
ma che rendono ricchezza a chi merita.
Non è ancora giunta l’ora della sua morte
e Gesù rassicura i suoi eredi,
perché è ancora tempo di vivere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.