Home Chiesa e Diocesi Diocesi Alife-Caiazzo. Proseguono le attività d’integrazione a favore dei cittadini stranieri

Diocesi Alife-Caiazzo. Proseguono le attività d’integrazione a favore dei cittadini stranieri

546
0

Aperte le iscrizioni per il progetto Conoscere, capire, unire della Fondazione Migrantes. Intanto, ad Alife prosegue il corso di italiano per i 20 immigrati

La Redazione – Continuano senza sosta le attività della Diocesi di Alife-Caiazzo relative all’accoglienza e al sostegno degli stranieri residenti sul territorio, per garantire loro un soggiorno dignitoso.
Giorni fa abbiamo presentato il programma del progetto Conoscere, capire, unire promosso dalla Fondazione Migrantes della diocesi ed approvato dall’Ufficio Nazionale Migrantes della Chiesa Cattolica Italiana. Il progetto intende assicurare agli stranieri una formazione culturale adeguata, che implica la conoscenza della lingua italiana, conoscenza delle leggi del Paese e delle tradizioni locali.
Sono partite le iscrizioni all’iniziativa di Migrantes, che si articolano in un corso di alfabetizzazione suddiviso in tre livelli, a seconda delle situazioni in cui lo straniero è chiamato ad interloquire. Il primo livello è rivolto a coloro che hanno bisogno degli strumenti per una “comunicazione di sopravvivenza”, indispensabile per le semplici attività quotidiane, come fare la spesa o cercare lavoro.conoscere-capire-unire_locandina
Il secondo livello, invece, è destinato agli stranieri che risiedono in Italia già da un po’, ai quali viene chiesto di approfondire le conoscenze linguistiche possedute, rafforzando la loro padronanza terminologica.
Del terzo livello possono usufruire sia gli stranieri residenti in Italia, sia gli italiani emigrati che rientrano in Italia. Questa categoria di partecipanti viene messa in condizione di arricchire il proprio vocabolario, confrontandosi anche con problematiche di ordine politico, sociale, ecc.
Al corso di lingua si aggiungono i laboratori interculturali di cucina, indirizzati soprattutto alle donne immigrate e teso a fornire loro gli elementi fondamentali della cultura culinaria e delle tradizioni alimentari italiane. Infine, sono attivi i laboratori di socializzazione e tempo libero (taglio, cucito, ricamo) rivolto a giovani e donne rientrate da poco in Italia e donne della comunità di accoglienza.
Si ricorda, inoltre, che presso l’Ufficio Problemi Sociali e Lavoro della Diocesi, ubicato nella sede della Caritas ad Alife, sta proseguendo il corso di italiano per i 20 immigrati di colore.

Di seguito le informazioni per le iscrizioni e il calendario dei corsi.
Corsi di italiano
Iscrizioni presso la Biblioteca diocesana San Tommaso d’Aquino (Via A. Scorciarini Coppola, 234 – Piedimonte Matese), nei giorni martedì (10.00-12.00), giovedì (16.00-18.30), venerdì (10.00-12.00).
INIZIO LEZIONI
Giovedì 16 aprile dalle 18.00 alle 20.30 (e così per ogni giovedì).
Laboratori inteculturali di cucina
Iscrizioni presso Oratorio Kairós, Parrocchia San Nicola di Bari, Alvignano
A partire dal 15 aprile dalle 15.00 alle 18.00 (e così per ogni mercoledì)
Laboratorio taglio/cucito/ricamo
Iscrizione presso Oratorio Kairós, Parrocchia San Nicola di Bari, Alvignano
A partire dal 17 aprile dalle 15.00 alle 18.00 (e così per tutti i venerdì)
Laboratorio teatrale multietnico
Iscrizioni presso Oratorio Kairós, Parrocchia San Nicola di Bari, Alvignano
A partire dal 14 aprile dalle 20.30 alle 2.00 (e così per tutti i martedì e giovedì)
Info e contatti: Diocesi Alife-Caiazzo (Ufficio Migrantes). Via A. Scorciarini Coppola, 234 – 81016 Piedimonte Matese (Ce). Tel. 0823 912707 – Fax 0823 543233 – Cell. 329 6179521info@diocesi-alife-caiazzo.it – lianadelmuto@virgilio.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.