Home Chiesa e Diocesi Caiazzo. Celebrazione solenne per il 134° anniversario della morte di fra Pacifico

Caiazzo. Celebrazione solenne per il 134° anniversario della morte di fra Pacifico

1661
0

Il frate di origini caiatine viene ricordato questa sera nella Chiesa Concattedrale di Caiazzo

La Redazione – Nel 134° anniversario della morte di Fra Pacifico da Caiazzo, nella Chiesa Concattedrale B.M.V. Assunta e Santo Stefano Vescovo questa sera (27 aprile), alle 19.00, si terrà una messa solenne, preceduta da un triduo di preghiere in onore della Madonna del Buon Consiglio e presieduta da padre Giovanni Crisci ofm. capp.
Nato a Caiazzo il 29 dicembre 1853 e di umili origini, Francesco Di Giglio trascorre sia l’infanzia che l’adolescenza in simbiosi con la natura, lavorando i campi a tempo pieno. Immerso nella natura, nella bellezza delle sue componenti carpisce la grandezza e la generosità divine.fra pacifico
Dopo l’incontro con frate Angelo da Napoli, nel 1874, Francesco prende consapevolezza della propria vocazione religiosa e così decide di trasferirsi all’Istituto Alfano di Portici prima e al S. Mandato di Napoli poi.
Nel giugno del 1877 indossa l’abito francescano, presso l’ospizio dell’Avvocata di Napoli, ricevendo il nome di frate Pacifico. Da quel momento fra Pacifico svolge un’intensa opera di pellegrinaggio a contatto con il mondo esterno, praticando la questura del pane: ogni giorno gira per le strade di Napoli chiedendo il pane per i suoi confratelli e lasciando in cambio sempre un messaggio di speranza.
Uomo senza cultura, ma dotato di un carisma raro, tale da calamitare persone di ogni estrazione sociale, fra Pacifico fonda la sua vita sull’amore sincero verso Dio. La morte arriva a soli 28 anni: è il 27 aprile 1881, giorno successivo alla festa in onore della Madonna del Buon Consiglio, da lui venerata, quando nel Collegio di Villa Morino a Napoli dopo l’eucarestia riceve la benedizione di Papa Leone XIII, chiesta per telegramma.
Fra Pacifico viene sepolto nel cimitero di Miano-Napoli, ma i fedeli oggi possono pregare sui suoi resti nella cappella del SS. Sacramento della concattedrale di Caiazzo, dove si trovano dal 29 dicembre 1986.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.