Home Attualità Il Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano “chiama” il Magistrato Raffaele Cantone

Il Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano “chiama” il Magistrato Raffaele Cantone

665
0

L’Ente consortile è tra i pochi in Italia ad adottare in forma ufficiale piani di gestione trasparenti e legali

La Redazione – Il Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano stabilisce una collaborazione istituzionale con l’Autorità Nazionale Anticorruzione al fine di garantire la massima trasparenza dell’operato dell’Ente; presto il Consorzio si avvarrà dell’apporto costante dell’Anac nello svolgimento delle azioni inerenti la recente normativa sulla trasparenza e sull’anticorruzione.
pietro andrea cappellaA seguito della deliberazione adottata nell’ultima seduta del Consiglio di Amministrazione, il Presidente Pietro Andrea Cappella (nella foto) ha inoltrato richiesta formale al Magistrato Raffaele Cantone, nella sua qualità di vertice dell’Anac, di sottoscrizione di un protocollo d’intesa contenente un vero e proprio accordo di collaborazione tra la massima autorità in tema di legalità operante sul territorio nazionale ed il Consorzio di Bonifica, quale ente di diritto pubblico economico che esercita per lo più un potere qualificato di tipo pubblicistico, perché inerente l’erogazione di un servizio pubblico essenziale o, comunque, finalizzato al perseguimento di interessi pubblici laddove contribuisce alla realizzazione e gestione di opere ed impianti nell’interesse del territorio.
L’Ente consortile di viale della Libertà, difatti, è tra i pochissimi in Italia e l’unico in Campania ad aver adottato da tempo sia il Programma Triennale per la Trasparenza e l’Integrità (PTTI) che il Piano Triennale di Prevenzione per la Corruzione (PTPC), nonché il Codice di comportamento dell’amministrazione, visionabili nell’apposita sezione “Amministrazione Trasparente” presente sul sito istituzionale dello stesso Ente, nonostante l’applicazione delle disposizioni relative agli obblighi di pubblicità e trasparenza di cui al d.lgs. 33/2013 sia stata estesa solo di recente ai Consorzi di Bonifica che hanno tempo fino al 31 dicembre 2016 per adempiere e rispettare il disposto normativo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.