Home Un verso un pensiero Salvatore Masullo. Il tempo degli esami

Salvatore Masullo. Il tempo degli esami

779
0

* * *

I libri aperti sopra il marmo bianco
d’una cucina, intrisa di memorie,
che ripuliva col suo fare stanco
mia madre sul finire della sera.
E mi svegliava all’alba, senza scampo,
l’aroma del caffè nella cucina
e quell’odore fresco di lavanda
dei panni appesi sopra uno stendino.
Nell’aria estiva un canto di cicale
e l’eco di quei versi del passato
che rileggevo sopra un davanzale
all’ombra di meriggi soleggiati.
Il tempo degli esami era arrivato
per me ch’esorcizzavo la paura
fumando sigarette di nascosto,
nell’ora in cui s’attenua la calura.
Ma un vento ricuciva le speranze,
quel grappolo di sogni mai sopiti,
d’un padre, sempre schivo d’apparenze,
che riponeva in me traguardi arditi.
Ed io tornavo alle sudate carte,
pesanti come l’ombre della sera,
e rimettevo in gioco la mia parte
in quei silenzi tormentati e brevi.

* * *
È tempo d’estate, tempo d’esami.
Alla fine di un anno di studio, l’ultimo sforzo, quello più grande,
ma di sicuro quello che darà il sollievo maggiore allo studente.
Le giornate di calura passano tra una materia e l’altra,
e, mentre tra una pausa e l’altra si ripetono concetti triti e ritriti, 
alla mente sovvengono le speranze e le aspettative dei genitori
riposte nel figlio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.