Home Un verso un pensiero Mario Luzi. “11 Settembre”

Mario Luzi. “11 Settembre”

5783
0
Dimettete la vostra alterigia
sorelle di opulenza
gemelle di dominanza,
cessate di torreggiare
nel lutto e nel compianto
dopo il crollo e la voragine,
dopo lo scempio.
Vi ha una fede sanguinosa
in un attimo
ridotte a niente.
Sia umile e dolente,
non sia furibondo
lo strazio dell’ecatombe.
Si sono mescolati
in quella frenesia di morte
dell’estremo affronto i sangui,
l’arabo, l’ebreo,
il cristiano, l’indio.
E ora vi richiamerà
qualcuno ai vostri fasti.
Risorgete, risorgete,
non più torri, ma steli,
gigli di preghiera.
Avvenga per desiderio
di pace. Di pace vera.
Cosa resta di tanta maestosità, dopo la deflagrazione che si rivelò fatale?
È bastato quell’urto a cancellare in un attimo tutta quella opulenza,
lasciando solo polvere e morte.
Di tutti quei sangui, dissolti nel nulla, ciò che rimane è il desiderio di una pace vera e sempiterna

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.