Home Chiesa e Diocesi Al Signore e a voi contadini diciamo “Grazie”. La 65a Giornata Nazionale...

Al Signore e a voi contadini diciamo “Grazie”. La 65a Giornata Nazionale del Ringraziamento

747
0

Un pensiero agli agricoltori del Sannio: dal fango verranno nuovi germogli di bene e prosperità

giornata nazionale del ringraziamento (4)La Redazione  – Domenica 8 novembre la Chiesa italiana celebra la 65ª Giornata Nazionale del Ringraziamento, momento di gratitudine per i buoni raccolti, per le vendemmie e la produzione dell’olio nuovo, per la terra che – custodita e curata dall’uomo – sa dare frutti, sa essere generosa, sa donarsi per dare vita.
La Giornata dice anche il grazie della Chiesa alle migliaia di uomini e donne che coraggiosamente in Italia hanno scelto la “vita di campagna”, fatta di sacrifici, rinunce delusioni, attese. Una vita spesso di precari risultati, ma pur amati e apprezzati da quelle stesse mani che hanno arato, seminato, raccolto (a volte poco) e non rinunciano a stare ferme.
Il tema di quest’anno Il suolo, bene comune attinge ai temi della recente enciclica di Papa Francesco Laudato Sì, e pone all’attenzione di tutti alcuni passaggi fondamentali del documento papale: custodire la fertilità del suolo, prestare attenzione alle destinazioni d’uso della terra, vigilare sull’accaparramento di terra da parte dei soggetti con maggior disponibilità economica, diritto dell’accesso alla terra e alle risorse ittiche e forestali.
Ai numerosi contadini dell’Alto Casertano, terra di felici alberi da frutto e lunghi filari di uva, di rigogliosi orti vogliamo augurare abbondanti e sani raccolti, ma anche esprimere la gratitudine per l’amore e la pazienza del loro lavoro; ai piccoli e medi imprenditori agricoli del territorio auguriamo il coraggio di reinventarsi ogni giorno, di farci notare nel mondo, di amare e proporre la qualità, di farsi onore.
Un pensiero particolare ai coltivatori e allevatori del Sannio, devastato dalle alluvioni delle settimane scorse: la terra che fa sudare e piangere, non smette di sorprendere; i germogli di una nuova fioritura non tarderanno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.