Home Arte e Cultura A Piedimonte Matese “I monumenti parlano”. Il calendario 2016 di Santa Maria...

A Piedimonte Matese “I monumenti parlano”. Il calendario 2016 di Santa Maria Maggiore

1858
0

Rivisitare gli antichi monumenti della città, denunciarne lo stato di abbandono: ecco l’iniziativa per il 2016 dell’antica parrocchia della Città

palazzo-ducale-piedimonte-mateseLa Redazione – Nel territorio parrocchiale di Santa Maria Maggiore rientra una numerosa serie di monumenti che raccontano in maniera ancora viva la storia di Piedimonte Matese.
Si tratta di bifore, balconi, piccole piazze, palazzi, chiese, memoria di un passato inebriato di fede e cultura che l’incuria e/o il naturale logorìo del tempo ha privato di dignità e visibilità.
Dalla Parrocchia di Santa Maria Maggiore, guidata da poco più di un mese da don Andrea De Vico, viene una singolare iniziativa, quella di realizzare il calendario parrocchiale 2016 portando all’attenzione di tutti (della cittadinanza in generale) il valore di un patrimonio storico-artistico unico nel suo genere, custode di identità, e che rappresenta ancora un potenziale per la visibilità artistica e culturale di Piedimonte.
Nei giorni scorsi, un sopralluogo congiunto del parroco, dell’architetto Cristina Volpe, del fotografo Donato Mellucci, della dottoressa Maria Mastrangelo (per l’Associazione Museale Archeologica Am’Arte di Piedimonte), e del collaboratore parrocchiale Danilo Coluccio ha permesso di tracciare un primo (quasi definitivo) elenco dei monumenti che andranno sul calendario.
Il tema scelto per le 12 pagine è I monumenti parlano: un parlare che non è solo racconto del passato, ma anche simpaticamente letterario; infatti ad ogni monumento fotografato (nel suo insieme o in qualche particolare) sarà associato un verso o un pensiero appropriato, come per esempio l’accostamento immagine-parola di Palazzo Ducale“Prima che Pluvio mal provveda, ripulite”.
L’iniziativa parrocchiale non è solo la ripresentazione dello stato delle cose, ma l’invito a prendere coscienza di un patrimonio, di beni che appartengono ad una collettività sorda del grido di aiuto che si sprigiona dalle pietre, dal legno marcio, dalle finestre cadenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.