Home Chiesa e Diocesi Alife / Alatri. Due comunità unite da San Sisto, la gioia di...

Alife / Alatri. Due comunità unite da San Sisto, la gioia di credere insieme

2073
0

Da Alife circa 100 persone hanno raggiunto Alatri per l’annuale festa di San Sisto. Con loro il parroco don Cesare e il Vescovo Valentino

alatri san sistoLa Redazione – Ogni mercoledì in albis la città di Alatri ricorda il miracolo di San Sisto, evento che liberava la città dall’assedio di Pietro d’Aragona che l’aveva occupata nel 1206.
E in questa circostanza sono molti gli alifani che si uniscono alla festa, avendo in comune con gli alatrensi la devozione per San Sisto. Secondo la tradizione infatti, nel trasferimento delle reliquie del santo da Roma ad Alife per volontà del Conte Rainulfo, la mula che trasportava le reliquie del Santo deviò verso la città di Alatri – era il 11 gennaio 1132 – e si inginocchiò davanti alla porta del Duomo. Segno inteso come espressa volontà di Sisto di guardare con benevolenza alla città. In quella occasione fu donata agli abitanti una reliquia del suo corpo (un dito) seppur le dispute che ne sono venute negli anni, sono confluite (per amor di pace?) sull’idea che le spoglie mortali del Santo siano divise per metà ad Alife e per metà ad Alatri.
Ieri, ad Alatri è tornata la festa, affollatissima e partecipata, cui si sono uniti un centinaio di alifani (tra loro molti anziani) accompagnati dal parroco don Cesare Tescione; da Piedimonte Matese anche il vescovo Mons. Valentino Di Cerbo si è unito alle due comunità concelebrando con il vescovo della Diocesi di Anagni-Alatri Mons. Lorenzo Loppa.
“Traspariva la preghiera unanime dei due popoli devoti a San Sisto”, questo il commento di alcuni pellegrini che da Alife hanno preso parte alla cerimonia, sottolineando tra l’altro l’accoglienza vivace e festosa ricevuta al loro arrivo in città.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.