Home Chiesa e Diocesi Piedimonte Matese, l’idea per rilanciare l’Oratorio San Filippo con la scuola Ventriglia...

Piedimonte Matese, l’idea per rilanciare l’Oratorio San Filippo con la scuola Ventriglia e l’associazione Love Matese

1170
0

L’iniziativa è stata lanciata dalla Parrocchia di Ave Gratia Plena lo scorso 9 maggio: presenti i ragazzi, il Parroco ed i gruppi parrocchiali, insieme al Preside dell’Istituto comprensivo “Ventriglia” ed i responsabili di “Love Matese”

love matese
Angelo Rotunno, in una delle attività di Love Matese riservata ai più giovani

Alfonso Feola | C’è ansia di rilancio, presso la Comunità parrocchiale di “Ave Gratia Plena”, a Piedimonte Matese. Un’ansia dettata dall’esigenza sempre più viva di dare ai ragazzi della Vallata una serie di strumenti utili per sfuggire alle maglie di un degrado sociale che, complice la crisi economica, si palesa ogni giorno di più all’interno di questo rione. A motivo di ciò, dopo l’animazione di una delle serate dedicate al recente novenario dell’Immacolata, un folto gruppo di ragazzi del quartiere, prevalentemente alunni dell’Istituto comprensivo “Nicola Ventriglia”, si è ritrovato presso l’Oratorio San Filippo Neri per un momento di festa. Il clima di divertimento, di gioia e condivisione fraterna, reso più intenso dall’animazione donata dagli esperti e generosi ragazzi di Dream Animation, ha visto presenti anche il Parroco Don Emilio Salvatore, il preside Prof.Vincenzo Italiano, alcuni insegnanti ed i rappresentanti di Love Matese, nelle persone di Claudia Orsino e Angelo Rotunno.
Nel corso della serata, dopo aver fatto punto sulle gravi problematiche del territorio, ha iniziato a prendere corpo un impegno condiviso, che si concretizzerà presto in un accordo di partenariato: intitolato Cuori aperti menti aperte, ha l’obiettivo di creare una rete di collaborazione tra Ave Gratia Plena, l’Istituto Ventriglia e Love Matese, ponendo particolare attenzione alle esigenze delle giovani generazioni. Così, tentando di gettare le prime basi per future attività, si è varato un primo assetto delle attività oratoriali per il periodo estivo,  attraverso una serie di attività e laboratori che daranno un primo input, seguendo nuove e più coerenti modalità di approccio con i ragazzi e i giovani: si prevedono laboratori che spazieranno dal ballo alla Musica, dalla pittura allo Sport, passando anche per il varo di un apposito giornalino, il tutto in vista di progetto ancor più organico, dove entreranno in scena perfino il teatro, le attività di trekking, l’escursionismo di base, l’educazione ambientale, la conoscenza esperienziale del territorio e la cittadinanza attiva. Ciò permetterebbe ai ragazzi del posto di vivere nuove esperienze nelle quali far affiorare e mettere a frutto abilità e potenzialità nascoste ed inaspettate; un efficace allenamento per il corpo e per l’anima insomma, mediante il quale essi possano diventare protagonisti della propria storia personale e della propria comunità di appartenenza.
E’ una sfida bella ed importante, che va sostenuta e supportata nella sua interezza, per il bene delle generazioni più giovani e di un territorio che ha ancora immense risorse umane da esprimere in tutta la loro pienezza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.