Home Attualità Tragedia in Puglia: la vicinanza della Chiesa italiana

Tragedia in Puglia: la vicinanza della Chiesa italiana

846
0

La vicinanza della Chiesa italiana ai familiari delle vittime dell’incidente ferroviario avvenuto in Puglia. Papa Francesco esprime la sua sentita partecipazione al dolore delle tante famiglie colpite dal lutto

papa francesco sull'incidente ferroviario in puglia“La Presidenza della Conferenza episcopale italiana si stringe attorno alle famiglie coinvolte nel grave incidente ferroviario avvenuto ieri sulla linea Corato-Andria: mentre partecipa al dolore per la perdita di tante vite umane, prega per la guarigione dei feriti e incoraggia ogni possibile forma di solidarietà e condivisione. A sua volta, esprime a monsignor Francesco Cacucci, Arcivescovo di Bari-Bitonto e Presidente della Conferenza Episcopale Pugliese, la vicinanza più sincera. Dai fondi 8xmille destina al vescovo di Andria, monsignor Luigi Mansi, un contributo di 200mila euro per la prima emergenza”. È quanto si legge in una nota diffusa dall’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei.

“Appresa la notizia del grave incidente ferroviario avvenuto sulla linea Corato-Andria, nel quale hanno perso la vita numerose persone, sua santità Papa Francesco esprime la sua sentita e cordiale partecipazione al dolore che colpisce tante famiglie”.
Così in un messaggio inviato a nome del Pontefice dal cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin, all’arcivescovo di Bari-Bitonto, monsignor Francesco Cacucci, presidente della Conferenza episcopale pugliese, dopo lo scontro ferroviario avvenuto oggi in Puglia. “Egli – prosegue il messaggio – assicura fervide preghiere di suffragio per quanti sono tragicamente morti e, mentre invoca dal Signore per i feriti una pronta guarigione, affida alla materna protezione della Vergine Maria quanti sono colpiti dal drammatico lutto ed invia la confortatrice benedizione apostolica”.

(da Agensir)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.