Home Territorio Dragoni. Ponte Margherita, nessuna riapertura. Atto vandalico nella notte

Dragoni. Ponte Margherita, nessuna riapertura. Atto vandalico nella notte

1133
2
ponte margherita riapertura dragoni
Un precedente tentativo di rimozione dei segnali di divieto

Nessun rispetto delle regole. Forzati e rimossi i blocchi che impedivano il passaggio sul ponte che collega il Matese e la Valle del Medio Volturno

La Redazione | Ha fatto immediatamente il giro del web e non solo la notizia della riapertura del Ponte Margherita, chiuso al traffico veicolare e pedonale per motivi di sicurezza dallo scorso gennaio.
In più occasioni le auto hanno attraversato quel passaggio costringendo la Provincia – responsabile della viabilità sul strada – a ripetuti segnali, divieti, fino all’installazione di blocchi di cemento, al fine di tutelare la sicurezza dei cittadini e il rispetto di una norma, imposta ma necessaria.

Abbiamo raggiunto al telefono il presidente della Provincia Angelo Di Costanzo, il quale ha confermato l’increscioso atto vandalico avvenuto questa notte: sono stati rimossi tutti i segnali e gli ostacoli che impedivano il passaggio “arrecando un danno considerevole al nostro Ente”, ha dichiarato Di Costanzo. “Ora procederemo come avvenne a gennaio con una nuova disposizione di somma urgenza per bloccare nuovamente il passaggio, mentre restiamo in attesa entro il 15 agosto dell’approvazione definitiva del progetto in cantiere che prevede l’alleggerimento delle strutture portanti e quindi l’inizio di una prima fase di lavori, in attesa della ricostruzione dell’intera infrastruttura”.
Ha poi proseguito: “Non abbiamo mai smesso di pensare alle soluzioni possibili per la viabilità dei cittadini del comprensorio matesino, perciò quanto accaduto stanotte, è da condannare fermamente”. Di fatto la Provincia, con la rimozione dei possenti blocchi di cemento, di transenne e segnali, oggi subisce un danno consistente, dovendo necessariamente provvedere a ricollocare tutto, e in tempo di crisi economica per l’Ente, anche questa azione influirà non poco sulle risorse già scarse.

GUARDA IL VIDEO sull’attraversamento del ponte che abbiamo pubblicato a giugno

2 COMMENTI

  1. Ma quanto costa spostare di qualche metro i blocchetti ostruttivi?
    Quanto è costato a chi si è riaperto la strada questa notte!
    Quasi niente!
    Ah quella manutenzione a scopo preventivo!
    Che costa poco , ma rende tanto…invece si preferisce arrivare al danno ingente e far spendere una montagna di soldi.
    Ma i cittadini sono tale e quale, sempre lì a chiedere di far qualcosa per i fatti propri, e se questo danneggia gli altri: chissenefrega.
    Sono pochi gli onesti che si salvano
    Evidentemente è questo che ci meritiamo
    Potremmo essere la Svizzera del meridione, invece siamo solo quello che si vede

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.