Home Territorio Da Caiazzo a Roma presso il Ministero per scongiurare il trasferimento della...

Da Caiazzo a Roma presso il Ministero per scongiurare il trasferimento della Caserma dei Carabinieri

Presto il sindaco di Caiazzo Tommaso Sgueglia visionerà gli atti del Comune di Ruviano circa l'allestimento dell'edificio che accoglierà la Caserma dei Carabinieri

1263
0

Il problema del trasferimento a Ruviano della caserma dei Carabinieri, passa da Caiazzo a Roma, in un incontro al Ministero dell’Interno al fine di scongiurare la perdita di un presidio importante di legalità. L’azione messa in campo dal Comitato civico Pro-Caiazzo fa muovere da più parti idee e iniziative, destinate però a confluire nell’unico obiettivo di trattenere il presidio dell’Arma in città.

Martedì mattina un gruppo di attivisti del Comitato sarà nella Capitale per chiedere chiarezza sul trasferimento della Caserma e fornire i dati e le indicazioni che legittimerebbero invece la presenza del presidio militare a Caiazzo. Nella delegazione ci saranno l’avv. Amedeo Insero, segretario del Pd di Caiazzo che per il tramite dell’onorevole Camilla Sgambato ha chiesto ed ottenuto l’incontro; l’avv. Ciro Ferrucci; il decano degli avvocati Caiatini Angelo Insero, animatore del Comitato Civico, e con loro il sindaco Tommaso Sgueglia.

Il primo passo avanti, nel senso propriamente “civico” della mobilitazione popolare, è l’interessamento di tutte le espressioni politiche cittadine: il circolo Pd e i giovani di centro destra manifestano all’unanimità l’esigenza di fare gioco di squadra e seguire le piste consentite per fare il bene di Caiazzo e della comunità che la abita.

La novità delle ultime ore riguarda il Sindaco di Caiazzo, Tommaso Sgueglia (nella foto), che in virtù del diritto di accesso agli atti, avrà la possibilità di prendere visione presso il Comune di Ruviano – tramite la figura del suo tecnico comunale – dei documenti relativi all’edificio che dovrebbe ospitare l’Arma nel piccolo paese, e constatare l’iter procedurale che ha consentito l’allestimento della Caserma secondo i criteri che oggi il Comando provinciale promuove a pieno titolo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.