Home Territorio Ad Alvignano L’Orto di Johnny, sabato la presentazione. IL VIDEO

Ad Alvignano L’Orto di Johnny, sabato la presentazione. IL VIDEO

2489
0
CONDIVIDI

Verrà presentato sabato 22 aprile alle 15.30, ad Alvignano L’Orto di Johnny il progetto di Agricoltura sociale finanziato con un bando di micro-progettazione del Centro di Servizio per il Volontariato della provincia di Caserta Assovoce 2014-2015, promosso in Alto Casertano dall’associazione Umanità Nuova.
Gli agricoltori protagonisti, nell’Orto di Johnny, sono giovani disabili, già da qualche mese alle prese con la coltivazione di ortaggi e verdure attraverso la sperimentazione di agricoltura sinergica, coordinati e aiutati dai ragazzi volontari del Servizio civile su un pezzo di terra messo gratuitamente a disposizione dall’azienda agricola di Luigi Antonio Rossi in via Alifani.

L’Orto di Johnny è nato da Umanità Nuova (di cui oggi il presidente è Daniele Romano), impegnata da circa 30 anni della tutela dei diritti di persone disabili e delle loro famiglie, allo scopo di favorire l’inclusione sociale e lavorativa, nonché il potenziamento delle capacità di apprendimento e le pari opportunità, attraverso la qualificazione professionale e lavorativa nel settore dell’agricoltura.
Altri partners del progetto, oltre all’Azienda di Rossi, l’Associazione di Volontariato “Oltre il Domani” di Dragoni, impegnata in politiche giovanili; l’Associazione di Volontariato “Familiari Disagiati Psichici” di Piedimonte Matese, impegnata nella tutela dei diritti delle persone con disagio psichico.

Alle finalità indicate, che il Progetto si prefigge, si aggiunge la valorizzazione delle colture locali, utilizzando tecniche moderne e cercando di garantire nel prossimo futuro un reddito minimo a chi lavora, ma anche alla costituzione di una cooperativa agricola di tipo B impegnata nella vendita dei prodotti realizzati attraverso il circuito dei Gruppi di Acquisto Solidale (GAS) e la commercializzazione in loco o attraverso internet.

Appuntamento sabato sulla terra dei nostri cari ragazzi…

 

Rispondi